Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Scuola, il Pd contro Lucia Azzolina per il concorso: "Spostarlo a Natale"

  • a
  • a
  • a

Il 22 ottobre si terrà il tanto atteso concorso straordinario della scuola, che servirà ad assumere 32 mila docenti precari con 3 anni di servizio. Già 64 mila le domande inviate. La ministra dell'Istruzione, la grillina Lucia Azzolina, lo ha annunciato con orgoglio dopo un duro braccio di ferro con i sindacati. Non ci si aspettava però che proprio dal Pd, alleato di governo del Movimento 5 Stelle, arrivasse un segnale di stop. A far partire l'attacco è Camilla Sgambato, responsabile scuola del Partito democratico, che chiede di far slittare il concorso: "Farlo ora significa stressare le scuole, che verranno private di molti docenti, i quali andranno a sostenere le prove del concorso. Avremmo preferito farlo a ridosso delle vacanze di Natale; fino alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale ogni ripensamento è possibile, la decisione spetta al ministero dell'Istruzione".

 

 

 

Secondo Sgambato, inoltre, è necessario tutelare chi si trova in quarantena, magari a causa di un positivo presente nella scuola in cui insegna. Andrebbe cercata una soluzione che permetta a tutti di affrontare la prova. "Per esempio si potrebbe trovare un'altra data per questi candidati o potrebbero svolgere  la prova tutti in una stessa scuola: sarebbe ingiusto non farli partecipare al concorso", continua la responsabile scuola dei dem.

Si aggiunge alla polemica l'Unione sindacale di base, che critica la ministra per aver lasciato indietro qualcuno. Non è stata prevista nessuna prova suppletiva, infatti, per chi sarà costretto a saltare il concorso, quindi per chi è positivo o si trova in quarantena o registra una temperatura corporea superiore ai 37 gradi e mezzo il giorno del test. Contro questa decisione anche il leader della Lega Matteo Salvini: "Sentivo oggi un'altra assurdità: il ministro Azzolina, in piena crisi perché stanno aumentando i contagi, ha fissato un mega concorso per 64 mila insegnanti che da tutti Italia dovrebbero andare a Roma per fare il concorso. Ma ti pare il momento in cui far muovere 64 mila insegnanti, a ottobre?".

Dai blog