Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, Travaglio contro la Lombardia? "Contagi e ricoveri, non è un caso": lo strano silenzio sulle regioni "amiche" del governo

  • a
  • a
  • a

Nelle regioni amiche del governo i contagi da coronavirus non fanno notizia. Il Lazio infatti registra la percentuale di sintomatici ospedalizzati più alta in assoluto, la Campania quella con la quota più elevata di attualmente positivi, l'Emilia Romagna ne ha più della Lombardia, la Puglia ha lo stesso numero assoluto di persone in terapia intensiva del Veneto, ma con quasi un milione di abitanti in meno. Eppure nessuno ne ha mai sentito parlare. Il Giornale non può fare a meno di ricordare i numerosi attacchi ad Attilio Fontana: "dalle Rsa lombarde descritte come campi di sterminio, mentre si moriva, purtroppo, in tutte le residenze sanitarie del mondo, all'ospedale d'emergenza anti Covid presso la Fiera di Milano, raccontato come uno spreco di denaro, nonostante fosse analogo a quelli realizzati in tutto il pianeta e per di più pagato con donazioni private", si legge.

 

 

 

 

Il metodo perseguito dai giallorossi ha un nome: si chiama "infodemia", ossia la manipolazione delle informazioni sul virus che influenza un'opinione pubblica resa malleabile da ansia e rabbia. A qualcuno non basta nemmeno questo. Il Fatto Quotidiano per esempio, nella paginata di domenica 11 ottobre, ha messo alla gogna la Lombardia, il Veneto, la Liguria e la Campania. "Qui - ha tuonato come suo solito Marco Travaglio - i modelli di lotta al virus hanno fatto flop". Tesi suffragata dai numeri che il Fatto sceglie accuratamente nel tentativo di salvare la faccia dell'esecutivo da lui sostenuto. Peccato però che se si considerano le cifre dei contagiati e delle persone in terapia intensiva in proporzione alla popolazione di ciascuna regione, Campania, Emilia e Lazio abbiano poco da stare sereni.

Dai blog