Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Andrea Scanzi insulta Matteo Bassetti: "A Hiroshima fu un petardo. Lui, con Salvini e Porro...". Si indignano tutti

  • a
  • a
  • a

Che Andrea Scanzi abbia poca stima del dottor Matteo Bassetti è cosa risaputa. Ma l'ultima trovata del giornalista per screditare il direttore della clinica malattie infettive di Genova ha sorpreso e allo stesso tempo indignato il web. La firma del Fatto Quotidiano ha pubblicato su Facebook la copertina di un ipotetico libro con la faccia dell'infettivologo in primo piano e il titolo: "A Hiroshima fu un petardo. Le scie chimiche dipendono dagli unicorni". E non è tutto. Nella didascalia a corredo della foto, Scanzi ha scritto: "Il nuovo verosimile libro di Bassetti. Prefazione di Salvini. Postfazione di Porro. Presentazione a casa di Toti, alla presenza di Sara Cunial, Trump, Bolsonaro, Angela da Mondello e la buonanima di Jimmy Il Fenomeno".

 

 

 

Già in passato il giornalista ha preso di mira Bassetti, definendolo "minimizzatore" e "virologo preferito della destra". Il nuovo attacco, però, non è stato gradito sui social, tant'è che diversi utenti lo hanno accusato di "manie di protagonismo". "All'inizio ti seguivo volentieri. Ma ora sai solo gongolarti per gli ascolti che fai", ha scritto qualcuno. "Ma per favore, rispetta chi lavora negli ospedali", ha commentato qualcun altro. 

 

 

 

Dai blog