Cerca

Inchiesta-tsunami

Vittorio Feltri, Open e l'assalto giudiziario a Renzi: "Mariuolo o vittima? Ho un sospetto"

27 Novembre 2019

4
Vittorio Feltri, Open e l'assalto giudiziario a Renzi: "Mariuolo o vittima? Ho un sospetto"

Matteo Renzi sotto assedio giudiziario. Le venti sedi della sua fondazione, funzionante da alcuni anni, sono oggetto di perquisizioni da parte della magistratura. Che cerca chissà quali irregolarità.
Tutto può essere. Pare che la questione sia relativa a una serie di carte di credito consegnate a parlamentari di cui attualmente non si conoscono i nomi. Ci tocca attendere gli sviluppi dell' inchiesta che a noi, francamente, sembra deboluccia.
Per il momento non ci resta che prendere atto dell' indagine in corso, vedremo come andrà a finire.
L' unica osservazione critica che possiamo fare è la seguente: non appena un uomo politico influente in qualche modo si fa notare, è preso di mira dalle toghe, e lui viene sputtanato in attesa di chiarezza. Se poi durante la citata congiuntura i pm inviano agli indagati degli avvisi denominati impropriamente di garanzia, addio reputazione per coloro che li hanno ricevuti.
Intanto consideriamo alcuni fatti. Renzi oggi è tornato alla ribalta essendo stato protagonista della composizione del governo in carica.
Improvvisamente i riflettori sono stati puntati su di lui, e ciò lo danneggia come lo aveva danneggiato, non poco, l' incriminazione dei suoi genitori, accusati di fatturazioni false. Insomma l' ex premier è stato travolto da scandali che sinceramente ci sembrano frutto di manovre tese a squalificare un parlamentare di razza, e lo diciamo pur non essendo noi tifosi del suo gruppo. Ci limitiamo ad osservare che il fiorentino è un abile manovratore capace di spiazzare i suoi avversari e metterli nell' angolo.
E quando un uomo delle istituzioni emerge dal grigiore dominante, immediatamente viene sottoposto a investigazioni, le quali, benché possano risolversi in bolle di sapone, segnano comunque la sua reputazione.
Prudenza ci impone di non calcare la mano su Matteo, consapevoli che in Italia le inquisizioni spesso si smosciano allorché l' inquisito ormai è stato distrutto moralmente. Speriamo che stavolta - forse è una illusione - i pubblici ministeri si spiccino a comunicare al popolo se siamo di fronte a un mariuolo o all' ennesima vittima.

di Vittorio Feltri

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aldoinvolo

    28 Novembre 2019 - 09:31

    Che sia vero o no tutto da verificare, Sono rimasto sconcerto nell'apprendere che Ercolino sempre in piedi, dopo un prestito di pochi centesimi 7000 mila euro in tre mesi sia riuscito a restituirli.. ma come fa li stampa di notte. oppure qualcosa non quadra. Vinto superenalotto? A questi il denaro salta fuori dalle tasche con una velocità assoluta.

    Report

    Rispondi

  • rossini1904

    28 Novembre 2019 - 08:40

    Fermo restando che secondo me Renzi è un mariolo, scegliere fra lui e i PM che, ai tempi di Mani Pulite, salvarono dalle inchieste soltanto il PCI, che perseguitarono Craxi, facendolo morire in esilio, che hanno cospirato in tutti i modi per distruggere Berlusconi, è una bella impresa. Una cosa è certa. Renzi starà rimpiangendo amaramente la frase "L'Anm protesta? Brrrr, che paura"!

    Report

    Rispondi

  • Arminius

    28 Novembre 2019 - 01:57

    "Parlamentare di razza"... Ma non scherziamo! Se è stato "protagonista del governo in carica" vuol solo dire che della democrazia "vera" e della volontà dei popoli italiani non gliene importa un fico secco. Ha radunato un'armata brancaleone per formare un governo di perdenti e tu lo chiami parlamentare di razza! Di razza magari sì, ma di quella peggiore in fatto di onestà intellettuale.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

"Sì, siamo un po' vivaci". Conte, sei serio? La banca crolla e lui ci ride sopra

Il Regno di Boris. Scopritelo su Camera con Vista su La7
Casalino mostra agenzie a Conte durante la conferenza stampa, lui rifiuta: "Lanciamo qui le notizie"
Greta Thunberg come una rockstar a Torino: così la svedesina ringrazia la folla

media