Cerca

Dottor Sottile

Amato in rivolta: "Non faccio parte della Casta, sono un esempio"

L'ex presidente del Consiglio, tra i favoriti per il Quirinale, respinge le accuse sulla sua carriera politica e alla sua doppia pensione

4 Marzo 2013

34
Giuliano Amato

Giuliano Amato

 

La politica annaspa, ogni intesa pare impossibile e l'incubo ingovernabilità diventa ogni giorno più concreto. E, come già accaduto in passato, uno dei nomi più "caldi" per mettere a posto le caselline istituzionali e trovare un accordo tra le forze politiche, è quello di Giuliano Amato. Un nome sul quale il pubblico è a dir poco diviso, con molti che ricordano i suoi legami con Craxi e coi socialisti dell'ultim'ora. E molti altri ancora che strabuzzano gli occhi di fronte ai 30mila e passa euro che l'ex presidente del Consiglio percepisce ogni mese tra pensione e vitalizio.

"Il mio nome esce più di me" si era limitato a dire qualche giorno fa. Oggi, invece, in una lettera scritta al quotidiano La Repubblica, il topolino Amato (così è ritratto da alcuni vignettisti), alza la voce per difendere la sua onrabilità. Racconta le sue origini modeste (mio nonno era muratore, mia madre aveva fatto le elementari, mio padre era diplomato), i titoli universitari conseguiti, il suo farsi da se. 

"Un curriculum così va additato ai giovani come un esempio da non seguire o come modello di  mobilità sociale al quale chiunque possa aspirare per sè o per i propri figli in un’Italia che lo sta rendendo sempre più difficile a chi non ha vantaggi di partenza?". In merito ai 31mila euro mensili aggiunge di aver "reso noto da tempo che il vitalizio lo giro mensilmente a una comunità di assistenza e dallo Stato ho quindi soltanto la pensione, che è al netto poco più di 11 mila euro. E’ una pensione alta, lo so, che sta tuttavia sotto il tetto stabilito dal governo Monti per i trattamenti pubblici ed è peraltro inferiore a quella che riscuotono giudici costituzionali, alti magistrati ed altri funzionari, specie se andati in pensione dopo di me".  E rilancia, spiegando di non considerarsi assimilabile alla casta e di non aver nulla di cui vergognarsi: "Vergognarmi del fatto - prosegue - di essere stato tanto stimato in Europa da essere chiamato a vice presiedere la Convenzione per la Costituzione europea e tanto stimato negli Stati Uniti da essere eletto lì, e certo non per intrighi di caste italiane, alla American Academy of Arts and Sciences?".

 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vecchiodeluso

    17 Aprile 2013 - 12:12

    invecchiando si appanna la memoria ma, dimentichi di dire che hai perfettamente ragione tu, non fai parte della casta PERCHE TU SEI LA CASTA E DELLA PEGGIORE RAZZA: bugiardo, traditore e opportunista al punto di tradire comunque e chiunque pur di rimanere a galla.

    Report

    Rispondi

  • ectosilver

    16 Aprile 2013 - 15:03

    Non fai parte della casta ? Eh già perché tu non ti mischi con la truppa , TU SEI IL CAPO DELLA CASTA ! Ci mancherebbe che ti eleggessero pure presidente, ma caro mio qui non siamo a Topolinia né ad MPS !!!

    Report

    Rispondi

  • ectosilver

    16 Aprile 2013 - 15:03

    Non fai parte della casta ? Eh già perché tu non ti mischi con la truppa , TU SEI IL CAPO DELLA CASTA ! Ci mancherebbe che ti eleggessero pure presidente, ma caro mio qui non siamo a Topolinia né ad MPS !!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Luca Zaia: "Basta insulti ai veneti, il mio compito è difenderli. Ora quereliamo"

Vincenzo De Luca: "Dialogo con il M5s? Non parlo più di politica politicante, solo fatti concreti"
Alessandro Morelli: "I 5s aprivano scatolette di tonno, gli altri sono figli delle sardine: un governo ittico"
Open Arms, il video propaganda dopo l'indagine contro Matteo Salvini

media