Cerca

Verso il baratro

Luigi Di Maio, il retroscena sul crollo psicologico: la reazione dopo il tracollo in Abruzzo

12 Febbraio 2019

0
Luigi Di Maio, il retroscena sul crollo psicologico: la reazione dopo il tracollo in Abruzzo

Il tracollo al voto in Abruzzo del M5s ha scatenato la resa dei conti per Luigi Di Maio e i vertici pentastellati, ben prima del previsto. La domanda che ora diventa ossessiva per i leader pentastellati è se tenere in vita il governo o trovare una soluzione per salvare il Movimento, sempre più in caduta libera, non solo nei sondaggi, ma ora anche alle urne. Un quesito che riflette lo scontro interno tra chi non ha nessuna intenzione di mollare la poltrona nell'esecutivo, così miracolosamente ottenuta, e chi invece è ancora attaccato alle idee dell'origine, quelle più barricadere che avevano fatto la fortuna dei grillini, ma quando erano comodamente all'opposizione.

Come riporta il retroscena di Augusto Minzolini sul Giornale, non esiste una soluzione immediata al rebus grillino, perciò la guerra intestina durerà ancora fino alla fine della primavera, quando con le elezioni Europee, e le altre consultazioni regionali, sarà più chiaro se il Movimento è in coma irreversibile o semplicemente influenzato. In tutto questo si consuma il dramma politico e personale di Di Maio, alle prese con le due anime del partito che ormai vanno per conto proprio, tutte però contro di lui. Al punto che lo stesso vicepremier grillino avrebbe sintetizzato in un'amarissima battuta: "Mi sento prigiorniero!".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Bagno di folla per Matteo Salvini al suo arrivo a Pontida

Salvini duro con la signora che ha rifiutato l'affitto alla ragazza foggiana: "Una cretina"
Matteo Salvini sicuro su Pontida: "Sarà la più partecipata di sempre. Vogliamo unire il Paese"
"I Conte tornano". Camera con Vista, i retroscena dalla settimana del bis

media