Cerca

Il retroscena

Giuseppe Conte e Tria per la trattativa ma Salvini e Di Maio li marcano con i tecnici di Lega e 5 Stelle

12 Giugno 2019

0
Giuseppe Conte e Tria per la trattativa ma Salvini e Di Maio li marcano con i tecnici di Lega e 5 Stelle

Mentre la Commissione europea, insieme al Comitato economico e finanziario (Efc), aspetta una risposta dall'Italia sul da farsi - "deve adottare le misure necessarie ad assicurare il rispetto del Patto di stabilità" - Giovanni Tria chiede a Matteo Salvini e Luigi Di Maio che smettano le uscite sullo sforamento del 3 per cento di deficit-Pil, sui mini Bot, sugli aumenti Iva da cancellare in ogni caso o su una costosissima flat tax senza coperture.

Ma il problema, riporta il Corriere della Sera in un retroscena, non è solo la manovra bensì l'impostazione della stessa e la delega di cui potranno godere sia Giuseppe Conte che Tria nel corso dei negoziati. Oggi 12 giugno al vertice a Palazzo Chigi si siederanno di fronte ai tecnici del Mef anche gli esperti economici della Lega e dei 5 stelle con l'obiettivo di non lasciare solo a Conte e Tria la responsabilità di impostare la manovra e spiegarla a Bruxelles.  

Al Mef si parla di tagliare di almeno dell'1 o del 2% la spesa pubblica, il che equivarrebbe a trovare circa 17 miliardi euro per finanziare o la sterilizzazione della clausola dell Iva o il taglio delle tasse. Ai quali andrebbero aggiunti almeno 4 miliardi di euro di minori spese e accantonamenti con la precedente manovra. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Migranti, il premier Conte in Senato: "Accordo di Malta non risolutivo"

Tafida, la grande sfida del Gaslini: ricoverata a Genova la bimba affetta da lesione cerebrale
L'aria che tira, Luigi Di Maio travolto da Carlo Calenda: "Show ridicolo, dimissioni immediate"
Eutanasia, i radicali "cercano malati terminali" per lo spot. La rabbia di Pro Vita & Famiglia

media