Cerca

Scelta boomerang

Matteo Renzi spinge il Pd verso il M5s, prima slavina: "Credibilità distrutta", chi molla Zingaretti

15 Agosto 2019

3
Matteo Renzi spinge il Pd verso il M5s, prima slavina: "Credibilità distrutta", chi molla Zingaretti

«La politica delle giravolte ha distrutto la credibilità della politica». Carlo Calenda rompe la armonia interna al Pd creata con lo stop a Salvini in Senato e spara a zero sull' ipotesi di creare un "governo di scopo", progetto che potrebbe poi protrarsi fino alla fine della legislatura.



L' ex ministro dello Sviluppo, via Twitter, ha messo all' indice quegli esponenti del Pd (a partire da Matteo Renzi) che nei mesi scorsi avevano detto no a un patto con M5S, per poi cambiare idea. Poi, Calenda ha affondato paventando una rottura con il Pd: «Ho detto con chiarezza e da molto tempo cosa farei in caso di alleanza Pd-5S e intendo comportarmi coerentemente. Per quello che vale non intendo accodarmi».
Le "cannonnate" del fondatore di Siamo europei non hanno colto di sorpresa il Nazareno, anche perché Calenda ha sparato sin dal primo momento contro quella che lui stesso definisce "convergenza Bettini". Una linea, quella tracciata dall' ex eurodeputato dem, che però nel Pd vede impegnato un fronte che va da Dario Franceschini alle minoranze di Base riformista (Lotti e Guerini), Fianco a fianco (Martina) e Sempre avanti (Giachetti). Zingaretti continua a muoversi con cautela, continua a preparare i dem per il voto, pur non negando il fatto che i dem devono mostrare responsabilità e soprattutto unità.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • brunom

    16 Agosto 2019 - 04:27

    Salvini ha messo PD e 5S di fronte alle loro responsabilita', anche perche' stare all'opposizione conviene nel senso che con un governo del genere i consensi per Salvini aumentano. La questione per il PD e' se conviene fare un'alleanza con i 5S per salvare le loro poltone, quando andando alle urne i 5S potrebbero perdere di molto.

    Report

    Rispondi

  • resistere sempre

    15 Agosto 2019 - 14:43

    le tre regole principali in politica : 1) non esistono amici 2) il nemico del mio nemico è mio amico 3) mai dire mai . raffrontate nella situazione governativa attuale significa questo : andare alle urne subito massacrati da una Lega pigliatutto o fare un contratto di governo PD M5S e altri per fare 4 o 5 cose per il bene dell'Italia e fermati li..( non ci sono altre scappatoie ma perdere tempo )

    Report

    Rispondi

  • Carlito58

    15 Agosto 2019 - 14:00

    Farebbero qualsiasi bassezza e schifezza .... basta danneggiare Salvini........ Abbiamo tre quarti della "politica" da buttare immediatamente nella spazzatura ... e sigillare anche per bene il coperchio. Sporchi arrivisti senza onore ne anima.

    Report

    Rispondi

Salvini indagato, lui gongola. Show di Danilo Toninelli in tv: "Come viaggiavo da ministro"

M5s, Stefano Lucidi lascia: "Non sono un criceto ed esco dalla ruota". Standing ovation della Lega
Giuseppe Conte
Mes, Luigi Di Maio avverte Conte: "Sicuri al 200% prima di firmare"

media