Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Otto e mezzo, "no al Papeete di Natale". Andrea Orlando, Renzi come Salvini: la fine della maggioranza?

  • a
  • a
  • a

"No al Papeete di Natale". Andrea Orlando del Pd, ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7, si schiera contro Matteo Renzi, e la maggioranza trema ancora dopo le turbolenze di inizio settimana e la trappola, scampata, sul Mes. "Giuseppe Conte chieda scusa per il piano sul Recovery Fund o Italia Viva gli toglie la fiducia", ha messo in chiaro poche ore fa Renzi, in una esplosiva intervista sul quotidiano spagnolo El Pais

 

 

 

"Il Pd con chi sta, con Renzi o con Conte?", chiede la Gruber a Orlando. "Il Pd sta col Pd, le parole di Renzi sono state sbagliate, tanto più perché arrivate nel giorno del vertice europeo sul Recovery Fund. Crediamo che in questi mesi si sia riconquistata una credibilità a livello europeo che non deve essere bruciata con risse e liti. Un conto sono le correzioni, un'altra è la cavalleria rusticana". "I toni stanno trascendendo - avverte l'ex ministro della Giustizia - e si sta andando in una direzione che non è all'altezza di questa fase". Quindi parla di "Papeete di Natale": "Quando si schiaccia l'acceleratore si sa dove si inizia e non si sa dove finisce". Un po' come accaduto a Matteo Salvini nel luglio 2019. Un clamoroso contrappasso, per Renzi: venire paragonato al leader della Lega, proprio lui che ha fatto di tutto, addirittura appoggiare il Conte-bis, pur di non farlo andare al governo da solo. 

 

 

Dai blog