Cerca

La strage nascosta

Inquinamento, nel 2015 ha causato una vittima ogni sei a livello mondiale

20 Ottobre 2017

2
Inquinamento, nel 2015 ha causato una vittima ogni sei a livello mondiale

La strage dell'inquinamento? Starebbe tutta in queste cifre, pazzesche, diffuse dal rapporto preparato dalla Lancet Commission on Pollution & Health firmato dalla Global Alliance on Health and Pollution e dell'Icahn School of Medicine del Monte Sinai (New York). In sintesi, l'inquinamento nel 2015 avrebbe causato 9 milioni di morti, diventando così la più grave minaccia per la salute a livello planetario. Si tratta di un livello di vittime tre volte più alto dell'effetto combinato di Aids, tubercolosi e malaria, che equivale a un morto ogni sei decessi. Un prezzo altissimo si paga anche da un punto di vista economico: le malattie legate all'inquinamento nei Paesi a reddito medio e basso si traducono in una riduzione annua del Pil che può arrivare al 2% e nei Paesi a reddito alto in un aggravio della spesa sanitaria dell'1,7%. Mentre le perdite di benessere derivanti dall'inquinamento sono stimate in 4,6 trilioni di dollari all'anno: il 6,2% della produzione economica mondiale.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lepanto1571

    20 Ottobre 2017 - 17:05

    Ma ci sono ancora co...ni che continuano a fumare,,?

    Report

    Rispondi

  • principino1

    20 Ottobre 2017 - 16:04

    Vorrei sapere quali sono i meccanismi anatomopatologici della morte per inquinamento. Se qualcuno vive in zone altamente inquinate e fuma 40 sigarette al giorno e muore per cancro del polmone di chi è la colpa ??

    Report

    Rispondi

Silvio Berlusconi, gli chiedono di Greta Thunberg e lui ribatte con una barzelletta su viagra e svedesi...

Silvio Berlusconi lancia Mario Draghi premier: "Intelligente e preparato. Se fosse disponibile..."
Matteo Salvini: "Se a qualcuno non piacciono presepio, crocefissi e campanili torni a casa propria"
Beppe Grillo arriva al secondo giorno di Italia 5 Stelle lanciando baci ai giornalisti

media