Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Silvio Brusaferro (Iss) e la Fase 2: "Impossibile pensare ad eventi di massa. Vacanze al mare? Il sole anche in terrazzo..."

  • a
  • a
  • a

Scordiamoci l'estate, scordiamoci la normalità. Silvio Brusaferro, presidente dell'Istituto superiore di Sanità, intervistato dal Corriere della Sera mette in chiaro una cosa: "La parola chiave è convivere per mesi col coronavirus e rispettare individualmente le regole per evitare il contagio."

 

 

 

In attesa di vaccino, farmaci più efficaci e strumenti di diagnosi (il virus "lo batteremo solo con l'immunità di gregge data dal vaccino che non arriverà prima di fine anno"), Brusaferro spiega cosa significhi "convivere col virus": "Riprogettare le giornate. No agli orari di punta in tutte le fasi vita quotidiana. Dimentichiamo strade e mezzi pubblici affollati". Quello della scuola, dice Brusaferro, "è un tema che prenderemo in considerazione in un secondo momento. Prove orali di maturità dal vivo? Una riflessione non fatta, ora l'obiettivo è immaginare da dove cominciare il 4 maggio in sicurezza". Il presidente dell'Iss esclude che gli eventi di massa possano essere organizzati nei prossimi mesi: "Folle che si riuniscono è uno scenario inimmaginabile. Pagheremmo un prezzo molto alto. Ognuno deve rinunciare a qualcosa". In quest'ottica, dunque, difficile immaginare una vacanza al mare: "Il sole si può prendere in tanti modi, anche in terrazzo. La mia è una battuta. La risposta seria è che non si può pensare ad aree affollate".

Dai blog