Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Mascherine, l'esperto svela la truffa delle Ffp2: "Occhio a sagoma e numeri", quali sono quelle che vi condannano

  • a
  • a
  • a

"Ho testato cento modelli di mascherine cinesi, la metà non era buona". Lo rivela Marco Zangirolami metrologo. E' lui che mette in dubbio la qualità delle Ffp2. Ha fondato una srl. "Prima della pandemia ci occupavamo di ricerca e sviluppo per l'industria. Quando è arrivato il virus, ho aderito alla chiamata di Innova per l'Italia e insieme al Dipartimento di chimica dell'Università di Torino ho messo in piedi un laboratorio per misurare la filtrazione dei tessuti". 

 

 

 

Racconta che ha iniziato a fare i test dal marzo scorso: "Quando sono venuti alcuni importatori che avevano comprato migliaia di Kn95 cinesi, equivalenti per capacità di protezione alle Ffp2, ma evidentemente non erano sicuri della qualità di ciò che stavano per immettere nel mercato italiano. Si sono fatti venire lo scrupolo e ci hanno chiesto di testarle. Mi hanno portato 35 modelli diversi. La metà non era buona, era da scartare. Finora ho testato un centinaio di modelli, la metà dei quali non protegge come dovrebbe".  Zangirolami rivela anche come capire se la Ffp2 è sicura: "Per quelle di importazione bisogna guardare chi è l'ente notificato che ha rilasciato la certificazione. Lo si individua dai quattro numeri posti accanto al marchio Ce".

 

 

 

Spiega poi cos'è che non va nelle FfPp2: "Non filtrano come dovrebbero. Poi la sagoma è progettata per i tratti somatici asiatici, sul viso degli europei perde un 40 per cento di tenuta, perché noi abbiamo il naso più pronunciato e gli zigomi più sporgenti. Ecco perché passa l'aria e si appannano gli occhiali. Vedo troppa gente che si affida alle mascherine di stoffa, griffate, lavabili: non funzionano! Se bagno un filtro lo uccido. Non esistono filtri lavabili. Servono per non avere la multa, ma non proteggono dal Covid. Se avessimo avuto e indossato le mascherine giuste dopo la prima ondata, non avremmo avuto la seconda", conclude intervistato da Repubblica.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"

Dai blog