Cerca

Monito

Non è l'arena, Maurizio Costanzo avverte Massimo Giletti: "Mafia, fai molta attenzione"

12 Gennaio 2019

0
Massimo Giletti

Sabato 5 gennaio, in prima serata, è andato in onda su Raidue C'è Celentano, un omaggio, un techetecheté si potrebbe dire, per gli 81 anni di Adriano. Il risultato è stato importante. Infatti, lo share ha toccato il 14%. L'indomani, su La7, Massimo Giletti ha parlato di nuovo di Celentano, ma anche di altri, ed ha avuto, ugualmente un buon risultato. Questo sta a significare che la popolarità e l'affetto che la platea, non solo televisiva, ha per Adriano Celentano, possiamo pur dire, non ha precedenti.

Torniamo a Massimo Giletti, che da tempo sta combattendo una importante e seria battaglia in difesa delle sorelle Napoli, che vivono a Mezzojuso, in Sicilia, e che sono state per molto tempo nel mirino della mafia. Giletti, da settimane e settimane, con Non è l'arena, combatte in prima persona questa battaglia che certamente gli fa onore, ma per la quale, altrettanto certamente, deve imparare a difendersi. Scrivo per esperienza diretta e lo invito perciò, in amicizia, a qualche cautela.

Ricordate il debutto della tv in Italia? Ricordate le prime annunciatrici? Certamente molti avranno, in questo momento, in mente Nicoletta Orsomando. È la più storica delle annunciatrici della tv italiana e cogliamo l'occasione per farle i migliori auguri, in quanto ha da poco compiuto 90 anni.

Desidero segnalare che, lunedì 7, su Rete 4 alle 21.25, è andata in onda una ottima puntata di Quarta repubblica, il programma condotto da Nicola Porro. L'ospite era il Ministro dell'Interno Matteo Salvini. Grazie a Porro e grazie a Salvini, la puntata è apparsa particolarmente vivace e interessante.

di Maurizio Costanzo

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media