Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sanremo 2019, Achille Lauro massacrato da Matteo Salvini? La risposta sconcertante: "La mia canzone..."

Davide Locano
  • a
  • a
  • a

Di sicuro è il più discusso e criticato di questo Festival di Sanremo: si parla di Achille Lauro e del suo controverso brano Rolls Royce. Prima le accuse di plagio, poi quelle relative al fatto che il brano sarebbe un inno alla droga, all'ecstasy in particolare, caso sollevato da Striscia la Notizia ma smentito con fermezza dall'artista. Dunque, contro Achille Lauro, le bordate di Matteo Salvini, che ha definito Rolls Royce "penosa, pietosa, come testo, musica, immagine e tutto". Ma Achille Lauro, intervistato da Corriere Tv, ha voluto ribattere colpo su colpo al ministro dell'Interno: "La musica è soggettiva - ha premesso -, è giusto che arrivino critiche ed elogi, io credo che sia un testo profondamente culturale, credo sia una piccola opera d'arte per quanto riguarda il mio percorso", ribatte. Dunque, a chi lo accusa di inneggiare alla droga, risponde minimizzando: "La droga è una piaga sociale che va combattuta". Leggi anche: Sanremo 2019, per Achille Lauro si mette male: si muovono gli avvocati

Dai blog