Cerca

Emozioni da Serie A

Cagliari, una rimonta da urlo: in tre minuti da 2-0 a 2-2. Pareggio a casa della Spal

10 Novembre 2018

0
Cagliari, una rimonta da urlo: in tre minuti da 2-0 a 2-2. Pareggio a casa della Spal

Recrimina la Spal, si salva il Cagliari. Finisce con un pareggio, 2-2, il match delle 18 della 12/a giornata di Serie A. La Spal spreca il doppio vantaggio con i gol di Petagna al 3’ del primo tempo e Antenucci al 26’ della ripresa. Ma quando tutto faceva pensare alla vittoria dei padroni di casa ecco l’uno-due micidiale dei sardi in pochi minuti con Pavoletti al 28’ e Ionita al 31’. Semplici disegna un 3-5-2 con Petagna e Antenucci coppia d’attacco, in porta torna Gomis. Maran sempre con Pavoletti di punta spalleggiato da Joao Pedro, in difesa c’è Romagna al posto di Pisacane. Passano appena 3 minuti e la Spal è avanti 1-0. Lazzari dalla destra pennella per lo stacco di Petagna che di testa batte Cragno tradito da una deviazione di Srna. Quarto gol per l’ex Atalanta.

La reazione del Cagliari è in un tiro dalla distanza di Ionita che non trova la porta. Cagliari un pò allo sbando e la Spal sfiora il raddoppio ancora con Petagna che dopo una corta respinta di Ceppitelli di destro da vicino trova un miracoloso Cragno a evitare il 2-0. Sardi che provano a scuotersi con Joao Pedro dalla distanza senza fortuna, idem Ionita liberato da un tacco di Barella. Al 36’ rossoblu vicini al pareggio, su corner di Joao Pedro, Romagna spizza verso il secondo palo dove Pavoletti non riesce a correggere in rete. La Spal torna a farsi vedere in avanti con uno scatenato Lazzari ma il suo diagonale va fuori. Dall’altra parte Srna cerca e trova Pavoletti la cui acrobazia non spaventa Gomis. Nella ripresa Cagliari d’impegno sin dall’avvio alla ricerca del pari. Semplici rimischia i suoi: dentro Kurtic per Valdifiori, poi Simic per Felipe già ammonito e acciaccato. Al 13’ ospiti vicino al pareggio Padoin cerca e trova la testa di Joao Pedro che però non trova la porta. Ancora il brasiliano servito in profondità, Gomis esce e lo anticipa. Maran capisce che serve una punta in più e al 21’ mette dentro Sau per Bradaric passando al 4-3-2-1. Ma a segnare è ancora la Spal. Al 26’ l’ennesima discesa di Lazzari offre il secondo assist per Antenucci che batte Cragno con un sinistro piazzato per il 2-0. Partita finita? Nemmeno per idea.

Il tempo di riprendere il gioco, il Cagliari conquista un angolo: Srna trova finalmente la testa di Pavoletti che non sbaglia e riapre la partita. Ed ancora, passano altri due minuti ed il Cagliari fa 2-2: fa tutto Ionita che controlla, supera in dribbling Cionek e batte di sinistro Gomis per il pareggio. Al 37’ addirittura il Cagliari cerca il colpaccio, è ancora Joao Pedro con un gran destro, palla deviata da Bonifazi in corner. La Spal dopo lo choc prova a dare segni di vitalità, Antenucci lancia Lazzari in campo aperto, il numero 29 calcia di sinistro ma non trova la porta e si fa male ma senza cambi deve restare in campo. Maran, che di cambi ne ha, toglie Joao Pedro e mette Faragò. In pieno recupero la Spal ha un ultimo sussulto, Fares serve in area Kurtic che non trova la deviazione vincente. Squadre stanche per provare a vincere la partita, al Cagliari va bene così per una partita che sembrava persa, la Spal invece si mangia le mani per aver sprecato il doppio vantaggio.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media