Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Europa, brutta gaffe di Jean Claude Juncker a Riga. Saluta il premier ungherese e gli dice "Ciao dittatore"

Le figuracce si fanno anche in Europa. Al vertice di Riga sul partenariato orientale sono tutti di buon umore, in particolare il presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker. Noto per le sue uscite fuori luogo e lo scarso rispetto dei protocolli formali, ha accolto tutti con pacche sulle spalle, battute e baci sulla fronte. Ma il trattamento peggiore è stato riservato al premier ungherese Viktor Orban, conosciuto per le sue posizioni autoritarie e le leggi ad personam. Quando Junker lo ha visto arrivare si è rivolto inizialmente al primo ministro lettone Laimdota Straujuma: “Guarda, arriva il dittatore”. Poi, forse accorgendosi che i microfoni erano aperti o forse in un eccesso di simpatia, ha ribadito con lo stesso Orban: “Ciao dittatore!”, corredando il gesto con un buffetto sul collo. Gli altri “saluti” - Visibilmente di ottimo umore, il presidente della commissione europea ha riservato un'accoglienza particolarmente calorosa a tutti gli ospiti. Pacche sulle spalle con David Cameron, un bacio sulla fronte per il primo ministro belga Charles Michel mentre al premier greco Alexis Tsipras, al solito senza cravatta, Juncker ha proposto di cedergli la sua.

Dai blog