Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Napoli, guerriglia urbana contro il lockdown: "Caccia al poliziotto", aggredito pure l'inviato di SkyTg24

La protesta contro il coprifuoco e l’imminente lockdown è degenerata in vera e propria guerriglia urbana a Napoli, dove centinaia di persone sono scese in strada per contestare violentemente la serrata annunciata da Vincenzo De Luca. Nel capoluogo della Campania la tensione è salita alle stelle dopo le 23, quando alcuni manifestanti sono riusciti a superare lo sbarramento delle forze dell’ordine lanciando petardi e accendendo fumogeni. Poi dal corteo sono partite bottiglie di vetro contro gli agenti in tenuta antisommossa: addirittura le bombe carta sono state lanciate contro la sede della Regione, con tanto di cassonetto incendiato.

Le scene più brutte e assurde sono però state quella della caccia al poliziotto: le volanti delle forze dell’ordine sono state assaltate, ad un certo punto un gruppo numeroso di facinorosi è riuscito ad aprire lo sportello e un agente ha subito diversi colpi, salvato dall’intervento di un blindato che ha messo in fuga gli aggressori. Intorno alle 23.15 si è registrato uno spiacevole episodio anche per Paolo Fratter, l’inviato di Sky Tg24 che era in diretta da Napoli: è stato circondato e picchiato dal solito gruppo di balordi. “Ci hanno malmenato, ho avuto paura. Meglio staccare il collegamento”, ha dichiarato dopo attimi di assoluto terrore vissuti in mezzo alla folla inferocita. 

Dai blog