Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Vincenzo De Luca spara a zero su tutti: "Sindaci nullità e giornalisti abbandonati a indegne demagogie, anche Massimo Giannini"

Vincenzo De Luca si fa ancora notare. Dopo i continui "no" del ministro dell'Istruzione Lucia Azzolina, il governatore della Campania annuncia una nuova stretta: la chiusura degli asili nidi e delle materne. Una scelta ampiamente criticata anche dai giornalisti, contro i quali il piddino si è scagliato: "Hanno intervistato una mamma che dice che sua figlia piange per andare a scuola. È l'unica in Italia che piange perché non può studiare endecasillabi, forse l'unica al mondo. La mamma le dà il latte al plutonio".

Ma non finisce qui perché nel mirino ci finiscono anche i primi cittadini: "Abbiamo ascoltato sindaci che sono delle autentiche nullità, che hanno per anni abbandonate a sé stesse le loro città. Non hanno alzato un dito per aiutare a contrastare la movida e la diffusione del virus. Non hanno cacciato un euro per i cittadini. Queste autentiche nullità hanno parlato per fare polemiche, è incredibile. Gente che in qualunque altro paese del mondo sarebbe stata affidata ai servizi sociali già da anni". Quella del presidente di regione sembra un'esplicita frecciatina a Luigi De Magistris, sindaco di Napoli con cui non scorre buon sangue. 

Basta? Niente affatto: "Abbiamo avuto organi di informazione che hanno fatto un lavoro importante ma anche tanti altri che si sono abbandonati ad operazioni indegne di demagogia, di falsamento della realtà, di polemiche gratuite, di folklore. Anche Massimo Giannini che stimo molto si è lasciato trascinare". Insomma, De Luca vuole fare piazza pulita.

Dai blog