Cerca

Complimenti per la trasmissione

Incontranda e la sfiga che porta ascolti

Lo strano successo della fiction Un'altra vita

Incontranda e la sfiga che porta ascolti

Ci sono, oggi, in Italia solo due sceneggiatori in grado di trasformare fango narrativo in purè d’ascolti; e che meritano -come si faceva con Frank Capra- the name above the title, il nome sopra al titolo: Teodosio Losito e Ivan Cotroneo. Certe volte, conesso, non li comprendo.
Non capisco come Lotito a Mediaset sia in grado di trasformare passanti della recitazione come Garko e la Arcuri in Amedeo Nazzari e Yvonne Sanson. E oggi, onestamente mi sfugge come Cotroneo, con la complicità di Cinzia Th Torrini, sia riuscito a portare Un’altra vita (Raiuno, martedì prime time) allo straordinario 37,7% di share con 8 milioni di spettatori che lo rende la grande sorpresa della stagione, minaccandone l’inevitabile seconda serie. Eppure, come scrive la collega Silvia Fumarola di Repubblica nella fiction con Vanessa Incontrada non v’è nulla di credibile: «Le ragazze della Milano bene non parlano e non si vestono come le figlie di Vanessa» (è vero: infatti parlano e vestono inspiegabilmente romano ); e una donna medico che lascia il marito corrotto non si trasferisce a Ponza con la suocera, per invaghirsi del «primo fusto sullo scoglio». Ed è assai improbabile anche che il fusto di cui la dottoressa si invaghisce abbia appiccicata addosso una sfiga invincibile: gli è morta la figlia di pochi mesi, e la moglie pazza e rinchiusa in casa esce solo per infilarsi a messa e dare della meretrice all’Incontrada (Francesca Cavallin con occhi di bragia: «La pace non sia con te!»), col chiaro intento di rapirle la figlia piccola credendola l’infante morta di cui sopra. Ed è molto difficile che, nel frattempo, la secondogenita di Vanessa si faccia mettere incinta, a 16 anni, da un militare in libera uscita che la molla sul bagnasciuga come in una canzone di Lucio Dalla. Per non dire della primogenita che s’innamora di un cuoco già fidanzato, lo stesso attore già visto, peraltro, morire in Che Dio ci aiuti qualche giorno prima. In più, ad aumentare la confusione: la suocera è interpretata da Loretta Goggi la quale compare tre giorni dopo nella giuria di Tale e quale.
Nel frattempo, il marito corrotto, dalla Svizzera, chiede a Vanessa -che a quanto punto è una sorta di Moll Flanders del basso Lazio- di testimoniare il falso. Ovviamente la puntata successiva si risolverà tutto per il meglio. Inutile citare la solita struttura iterativa che affonda nei classici del melò tra le sorelle Bronte e Daphne du Maurie. Cotroneo, a passeggiare affondando nei sentimenti, è maestro.
Personalmente ho preferito La scelta di Catia (Raitre lunedì, prime time) , docu-fiction su un vero tenente di vascello nell’operazione Mare Nostrum. Non mi spiego, ma chapeau. Ps pare che, alla riottosa Fumarola, come al Corsaro nero, alla fine sia spuntata una lacrima...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • doriana.rotolo

    16 Ottobre 2014 - 11:11

    Io credo una cosa: in televisione dopo una giornata di lavoro ; di stress di casa e routin varie vedo una cosa che mi rilassa...non penso alla trama; al contenuto bensì a staccare la spina. ..tutti moralisti adesso ? Nn capisco che abbia sto film che non va..piacevole essenziale e risoluto. Una storia che finisce bene ; sarà illusione . Ma chissenefrega !

    Report

    Rispondi

blog