Cerca

Negozianti all'attacco

Grazie Monti, Italia
indietro di 15 anni

L'assemblea di Confcommercio boccia il governo: troppe tasse e Iva, i consumi sono scesi a quelli del '98

Grazie Monti, Italia
indietro di 15 anni

C'erano ABC (Alfano, Bersani, Casini), in prima fila, a seguire la relazione annuale di Confcommercio illustrata questa mattina dal presidente Carlo Sangalli. Ma il ministro dell'Economia, alias Mario Monti, no. Lui ha preferito presenziare col presidente della Repubblica Giorgio Napolitano all'anniversario della fondazione del corpo della Guardia di Finanza. Ha scelto bene, il prof Monti, perchè dall'assemblea di Confcommercio sono piovute bastonate sull'operato del suo esecutivo.

I negozianti sono tra le categorie che più stanno scontando il passaggio dell'Iva dal 20 al 21% e guardano con terrore a un eventuale scalino che porterebbe l'imposta, nelle intenzioni di Palazzo Chigi, al 23%. Già, perchè già adesso, complice la crisi e le tasse che stanno svuotando le tasche degli italiani, il livello dei consumi è precipitato indietro di 15 anni, al lontano 1998. Per questo Sangalli ha rivolto un appello al governo per un "impegno costituente" alla riduzione delle tasse. "E' una terapia che muove dal riconoscimento di un dato di fatto: abbiamo raggiunto un livello di pressione fiscale che, per chi le tasse le paga, si attesta attorno al 55%. E’ un livello che zavorra drasticamente investimenti e consumi".

In questo quadro, un ulteriore aumento dell’Iva "sarebbe la Caporetto delle famiglie, delle imprese, del lavoro. Dati i margini di manovra disponibili, vi sono le condizioni per realizzare economie di spesa, che consentano di bloccare, per l’ultimo trimestre di quest’anno, l’aumento programmato delle aliquote Iva". Secondo Sangalli "gli aumenti dell'Imposta sul valore aggiunto rischiano, tra il 2011 e il 2014, di tradursi in minori consumi reali per circa 38 miliardi di euro". 

roma

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Phidry Hiellie

    03 Luglio 2012 - 21:09

    ...è quello che si merita sto popolino italiano che esce in 500 mila per le strade per difendere uno scudetto e non muove un dito per portare la Democrazia al suo paese. Se quello che è stato fatto negl' ultimi otto mesi in Ialia fosse accaduto in un paese sano e normale, dove vige la Democrazia, fidatevi molti onorevoli oggi sarebbero dei disoccupati a partire dell' inquilino del colle e il monti di turno sarebbe cacciato a Kalcyhnkhulos. E la fornera? è sparita dalle testate non se ne parla più su Libero? ....silenzio stampa sulla fornera!!!..... PER UN PAESE SANO E NORMALE, ELEZIONI PRESIDENZIALI DIRETTE SUBITO!!!!! ATTENTI, CARI ITALIANI PER BENE, AI MESI DI AGOSTO E SETTEMBE, SONO I MESI IN CUI CHI DOVREBBE DIFENDEREE I TUOI INTERESSI SFERRERA' LE MAZZATRE: AUMENTO STIPENDI POLITICI, RINCARI.... MENTRE TU, ITALIANO PER BENE, TI GODI UN PO DI SOLE. SE AMI IL TUO BAMBINO NON VOTARE LA BONINO, SE AMI....UN MILIONE DI VOLTE...NON VOTARE LA BONINI!!!!

    Report

    Rispondi

  • frank-rm

    03 Luglio 2012 - 07:07

    Monti non credo sia solo responsabile della crisi attuale, ma anche del raddoppio dei prezzi che nessuno controllò con l'entrata in vigore dell'euro durante il governo Berlusconi.

    Report

    Rispondi

  • zoruam

    22 Giugno 2012 - 09:09

    Il Signor Monti non è all'altezza di quello che dovrebbe fare un presidente del consiglio, lui sta bene seduto dietro una scrivania con le sue carte e €€€€ da controllare e scegliere quale investimento fare per far aumentare il suo c/c, e basta... Io lo ascolto di rado alla Tv ....all'interviste, parla pacato...ehh..oohhh...non sa che dire...pesa le parole, insomma non ha i c.....per prendere in mano la situazione. Non capisce nulla di economia globale ( tranne di quella bancaria) non sa cosa siglifica vivere con 1000€ al mese con mutuo. Io gli consiglio di togliersi dalle scatole e lasciar il posto a Di Pietro. Grazie della possibilità offertamisi per il post.

    Report

    Rispondi

  • fatti neri

    21 Giugno 2012 - 22:10

    che da anni persegue penalizzando le piccole partite iva. che dire? se questo è un governo tecnico berlusconi è un francescano.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog