Cerca

Sfida impossibile

Ue, Matteo Renzi e la guerra contro il rigore. Dalla Spagna alla Grecia, tutti gli alleati di Angela Merkel

Ue, Matteo Renzi e la guerra contro il rigore. Dalla Spagna alla Grecia, tutti gli alleati di Angela Merkel

"No all'Europa delle banche e della burocrazia". Matteo Renzi da qualche giorno ha messo sul piatto il disco della lotta comune contro i freddi tecnocrati di Strasburgo, Bruxelles e Berlino. All'estero, qualcuno maliziosamente ha parlato di "Grande Bellezza" che sfida "il rigore". Il guaio, per il premier e per noi, è che l'Italia nella battaglia ha molti meno alleati di quanti si creda. Angela Merkel, Bce e Fmi negli anni scorsi hanno fatto piangere molti, eppure quegli stessi Stati messi in ginocchio allora oggi stanno con la Cancelliera.

Dal 3% al debito pubblico - Sul piatto ci sono tre questioni cruciali per l'Unione europea e per i suoi membri. Il deficit pubblico che non può superare il 3%, il pareggio di bilancio strutturale e il debito pubblico. Nel primo caso, l'Italia è in linea di galleggiamento con la previsione della Commissione europea che fissa il rapportro tra deficit e Pil al 2,6 per cento. Sul pareggio di bilancio strutturale, invece, sebbene l'Italia l'abbia inserito in Costituzione l'obiettivo è lontano: non possiamo superare i 48 miliardi, ma al momento Roma sfora dello 0,7 per cento. Ultimo punto, il più critico: il debito pubblico è al 135,2%, il più alto dell'Eurozona, e non accenna a diminuire. E' questo fardello che preoccupa tutti i membri dell'Unione e non solo gli ultra-rigoristi.

Chi sta con Berlino - Il timore diffuso è che con una nuova crisi economico-finanziaria, saranno i paesi più deboli dal punto di vista del debito ad essere colpiti dalla febbre dello spread, rischiando di trascinare nel baratro anche i paesi in migliore salute. Il "debito" come tabù non è solo un mantra della Merkel o della Bundesbank. Dello stesso parere sono anche i Paesi che hanno sopportato cure quasi mortali per migliorare: Portogallo, Grecia, Spagna, Irlanda. Al momento, chi "ha già fatto i compiti a casa" sta con i falchi del rigore, dalla Germania all'Olanda, dalla Svezia alla Finlandia. L'Inghilterra, insieme ai paesi dell'Est, è alla finestra. Con Renzi e l'Italia di fatto c'è solo la Francia, che ha però un debito pubblico meno pesante. Il problema è anche politico: Renzi e Hollande sono gli unici grandi esponenti dei Socialisti europei, mentre gli altri Paesi mediterranei sono tutti governati da membri dei Popolari europei.

Angela e le poltrone amiche - Non è un caso che il premier spagnolo Mariano Rajoy nei giorni scorsi si sia sbilanciato: "Non è bene far aumentare il debito, perché non è bene spendere ciò che non si ha: il primo obbligo è tenere sotto controllo la finanza di stato e lavorare per la crescita". L'impressione è che a Renzi non basti l'alleato Hollande, peraltro in grave difficoltà interna, per abbattere il muro dei rigoristi. La Commissione Ue, che deciderà su parametri e loro eventuali modifiche, sarà presieduta dal popolare Juncker, che sulla carta cercherà una difficile mediazione tra Ppe e Pse. A fine anno verrà eletto il prossimo presidente del Consiglio Ue e dopo Van Rompuy potrebbe essere il turno della danese Thorning Schmidt. Progressista all'acqua di rose, molto più vicina al Ppe che al Pse. Chi è il suo più grande sponsor? La Merkel, naturalmente. Che in questi mesi ha imbottito l'unione di tedeschi nei posti che contano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marco53

    14 Agosto 2014 - 12:12

    Uscire dall'euro e dall'Europa, SUBITO! E' l'unica cosa che ci può salvare. Qualche sacrificio all'inizio, ma dopo si può rinascere. Così invece la morte è certa. Siamo soli, nessuno sta con noi. Ci vogliono affondare. Ci vorrebbe un colpo di stato, via tutti i delinquenti che stanno in Parlamento. 5 anni di stabilizzazione e nuove elezioni, con nuova classe dirigente. Fuori i comunisti per sempre

    Report

    Rispondi

  • agostino.vaccara

    06 Luglio 2014 - 13:01

    Io credo che la più grande nemica della merkel sia proprio la Germania ! Infatti la Germania non è che sia combinata troppo bene dal punto di vista economico.: l'economia non cresce più, i bund tedeschi restano invenduti tanto che li deve comprare la stessa bundesbank( cosa, peraltro, proibita!) e l'immobiliare tedesco è del tutto fermo( nessuno più compra nessuno riesce a vendere)!!!

    Report

    Rispondi

    • marco53

      14 Agosto 2014 - 12:12

      Ma chi ti dice queste balle! La Germania non è mai stata così ricca e fiorente dal dopoguerra. Vanno a mille ma non possono crescere a ritmi insostenibili per sempre. Noi invece non siamo mai andati così male, solo che un tempo c'era la speranza. Adesso c'è solo la certezza di andare a fondo, di fallire.

      Report

      Rispondi

  • pricippo

    06 Luglio 2014 - 11:11

    ORMAI E' CHIARISSIMO NON SI PUO' ALZARE LA TESTA IN QUESTA PORCA EUROPA. SIAMO CONSAPEVOLI CHE NON SIAMO PARTNERS......MA SOLO STUPIDI SUDDITI! ! !

    Report

    Rispondi

  • arwen

    06 Luglio 2014 - 10:10

    siamo soli, male in arnese, divisi internamente e governati da una manica di mezzes....e!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog