Cerca

La polemica Italia-Germania

Chi è Peer Steinbruck: ex posteggiatore, insulta Berlusconi e Grillo e può mandare a casa la Merkel

Il candidato del partito socialdemocratico (Spd) alla Cancelleria tedesca da ragazzino era soprannominato dai compagni di classe "Kasper". Cioè pagliaccio...

Chi è Peer Steinbruck: ex posteggiatore, insulta Berlusconi e Grillo e può mandare a casa la Merkel

 

di Enzo Piergianni

La voglia di dare del pagliaccio agli altri, Peer Steinbrück se la porta appresso da quando andava a scuola al Johanneum di Amburgo (con pessimo profitto). Per le sue baggianate era stato bollato  “der Kasper” (pagliaccio)  dai compagni di classe. Lo ha raccontato il biografo Daniel Friedrich Sturm, molto prima del suo comizio di martedì sera a Potsdam col pesante attacco a Beppe Grillo e Silvio Berlusconi («un clown di professione e un clown ad alto tasso di testosterone») che ha indotto il presidente Napolitano ad annullare l’invito a cena nel sontuoso Hotel Adlon (un «cinque stelle», neanche a farlo apposta) nel centro storico di Berlino.

Nelle elezioni politiche di settembre, il «Kasper» contenderà ad Angela Merkel la cancelleria federale. È il candidato del partito socialdemocratico (Spd), ma prima e dopo la sua designazione  ne sono venute fuori talmente tante su di lui che molti suoi sostenitori farebbero volentieri marcia indietro. Il suo pesante sarcasmo amburghese risente probabilmente di quando faceva il posteggiatore nel quartiere a luci rosse di Reeperbahn dove, a suo dire, «le ragazze erano le più generose con le mance». In politica a fatto carriera fino a diventare ministro delle Finanze nel governo di «Grosse Koalition» sotto la Merkel. Nel marzo 2009 ha guerreggiato a parole contro il segreto bancario in Svizzera agitando la  minaccia di «usare la frusta» e poi paragonando gli svizzeri ai pellerossa che si spaventavano solo “davanti al Settimo Cavalleria”. Un gran fracasso mediatico, ma senza effetti concreti. Due mesi dopo, sempre nel suo impetuoso quanto sterile assalto ai paradisi fiscali, Steinbrück se la prendeva col Lussemburgo. E accostava malignamente la capitale del Granducato a Ouagadougou, capitale di Burkina Faso. Il ministro degli Esteri lussemburghese, Jean Asselborn, gli rispose velenosamente che anche l’invasione nazista del suo paese era cominciata con i discorsi. La campagna elettorale del «Kasper» è stata compromessa in partenza da recenti  rivelazioni sulle sue finanze private. Tornato semplice deputato,  l’ex ministro, anziché tuffarsi nei lavori del Bundestag, è entrato nel giro del club Bilderberg e si è specializzato a fare conferenze in ambienti industriali e finanziari, incassando nella legislatura corrente circa 2 milioni di euro in aggiunta alla cospicua indennità parlamentare.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Renatino1900

    03 Marzo 2013 - 11:11

    tu parli di democrazia senza sapere quali siano le regole democratice, le leggi, di questo paese. il presidente della repubblica è obbligato a cercare di formare un nuovo governo quando quello vecchio è sfiduciato o il primo ministro si dimette. ed è quello che è successo, il governo Monti ha avuto la fiducia dal parlamento. il parlamento, quella cosa che tu non conosci, e non sai il fatto che noi eleggiamo il parlamento e non il governo, il parlamento nomina e da la fiducia la parlamento. e il default non era una bufala, dato che il tuo nano preferito ha varato, calandosi le brache difronte alla kulona, una manovra economica pesantissima: 145 miliardi di euro.

    Report

    Rispondi

  • lillignocchi1

    02 Marzo 2013 - 09:09

    Lui o un`altro non farebbe cambiare la mia opionione sui Tedeschi. Non hanno la + pallida idea di cosa significhi veramente EUROPA. Hanno tentato l`inciucio con la Francia nascondendo a tutti che era ed e' messa peggio di noi. Comincio ad avere seri dubbi sulla CE

    Report

    Rispondi

  • locatelli

    02 Marzo 2013 - 04:04

    noi abbiamo eletto chi. con quella faccia da pirlaguarda in casa tua. as holl

    Report

    Rispondi

  • walkiria

    01 Marzo 2013 - 10:10

    deplorevole le offese dei tedeschi.Purtroppo tutto il linguaccio politico è diventato offensivo. Ma è colpa degli italiani che per primi hanno sputt. Berlusconi in tutto il mondo. Ora il fango torna e coprire tutti gli italiani.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti