Cerca

La mossa

Canone Rai, la proposta di Franco Bassanini: "Paghi di più chi ha più case"

Canone Rai, la proposta di Franco Bassanini: "Paghi di più chi ha più case"

Chi possiede più case potrebbe pagare un conto salato alla Rai per il canone del servizio pubblico. Sarebbe questa la nuova riforma sul balzello tv che starebbe studiando il governo. A proporre questa soluzione per abbattere l'evasione della tassa più odiata dagli italiani è stato Franco Bassanini, presidente della Cassa Depositi e Prestiti. Secondo Bassanini il governo dovrebbe rimodulare il canone sul modello francese con un prelievo basato sul possesso degli immobili. In pratica chi possiede più case e più di una televisione "se lo può permettere, quindi è giusto che paghi di più", ha spiegato Bassanini. Il presidente della Cdp afferma che l'ipotesi di legare il canone Rai al possesso di immobili secondo Bassanini sarebbe la strada più percorribile per combattere l'evasione (che sottrae alla Rai tra i 500 e i 600 milioni di euro), ma sembra che anche il governo sia orientato a questa soluzione, piuttosto che la via della bolletta elettrica (troppi gestori) o della dichiarazione di non possesso di una tv.

Il piano del governo - A dover dare una risposta sul canone è il sottosegretario allo Sviluppo, Antonello Giacomelli. In un video messaggio da Bruxelles ha annunciato "una riforma radicale del canone in base a criteri di equità e che dia certezza di risorse alla Rai, anche che sia vissuta con meno umore negativo dai cittadini. "Presto presenteremo una proposta" ha detto Giacomelli, seguita poi da una "riforma della governance che restituisca alla Rai il suo ruolo, sia per operare come azienda sia come dimensione delll'organo di governance" e una "diminuita invasività della politica". "Una riforma che presto darà certezze di risorse, equità e renderà il canone meno odioso”, ha spiegato lo stesso Giacomelli.

Tassa legata al consumo - Resta comunque in piedi l'ipotesi di legare il canone ai consumi con una nuova imposta non più collegata al possesso dell’apparecchio ma al potenziale di spesa delle famiglie. Probabilmente un'imposta di consumo alla quale se ne potrebbe aggiungere un’altra – nel caso in cui l’importo per le famiglie dovesse risultate troppo alto - da applicare a tutte le scommesse fatte con i giochi in concessione dello Stato. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sbibis

    sbibis

    25 Ottobre 2014 - 22:10

    Comunque non c'è molto tempo ancora....fra Euro che ci strangola e Governi sinistronzi che ci affamano, la storia ci insegna che quando vengono toccati i ceti medi, ovvero quelli che lavorano tutto il giorno senza guardare l'orologio e che producono ricchezza per tutti, scoppiano le rivoluzioni/guerre ed allora so cazzi !!!!!.

    Report

    Rispondi

  • sbibis

    sbibis

    25 Ottobre 2014 - 22:10

    Gente ...ma basta!!!!....ci stanno prendendo per il culo tutti i giorni questi comunisti di merda che stanno affamando il popolo Italiano. Per protesta dovremmo non pagare il canone tutti in massa, ma questa è fantascenza infatti ci sarà almeno un 40% di coglioni che continueranno ad inchinarsi supinamente a renzi, bassanini ed altri cazzoni sinistronzi incapaci e beceri. Fanculo........

    Report

    Rispondi

  • cosimo.pompadoro@fastwebnet.it

    cosimo.pompadoro

    24 Ottobre 2014 - 15:03

    Bassanini è ammalato, la demenza senile l'ha colpito e invece di ricoverarlo i giornalisti lo intervistano. è una vita che ce l'abbiamo tra le palle questo comunista del cazzo. paghi lui il canone rai a 10000 euro visto che ci sta fregando un sacco di soldi coi suoi vitalizi e quindi può pagare più di noi poveretti.

    Report

    Rispondi

  • torculus

    24 Ottobre 2014 - 14:02

    Bassanini? Un C E R V E L L O N E!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti