Cerca

Codice della strada

Ergastolo della patente a ubriachi e drogati che uccidono al volante

Ergastolo della patente a ubriachi e drogati che uccidono al volante

L’ergastolo della patente è un po’ più vicino. Una manna dal cielo per automobilisti e pedoni disciplinati. Una vera - e giusta - iattura per chi si mette alla guida dopo aver alzato un po’ troppo il gomito o essersi «fatto» di droghe varie, e causa la morte di qualcuno. Dopo il via libera della Camera dello scorso ottobre, la questione è passata all’esame del Senato. E ieri l’emendamento alla proposta di legge di modifica del Codice della strada, depositato dal relatore e presidente della commissione Trasporti Michele Meta (Pd), ha segnato un altro punto in questa direzione, spianando di fatto la strada al reato di omicidio stradale. «Quando la revoca della patente di guida è disposta per il conducente che ha commesso il reato di cui all’articolo 589, terzo comma, del Codice penale (omicidio colposo in stato di ebbrezza o di alterazione psicofisica) il soggetto non può conseguire una nuova patente di guida. Nel caso in cui il conducente che ha commesso il reato non sia provvisto di patente, non può conseguirla», si legge nel testo.

Addio patente - In pratica, chi uccide una persona per strada perché ubriaco o sballato al volante, deve rinunciare a vita alla patente. Un deterrente molto forte, che si spera riesca a scongiurare le tante, troppe morti che ancora oggi si contano sull’asfalto. Come ha confermato, proprio ieri, il vice ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Riccardo Nencini. Parlando di sicurezza stradale di fronte a trecento ragazzi delle scuole di Scampia, Nencini ha ammesso: «Il numero di incidenti stradali mortali è molto diminuito con l’introduzione della patente a punti, ma è un numero ancora troppo alto e dobbiamo fare in modo che scendano le statistiche». Se è vero infatti che nel 2013 le vittime di incidenti stradali sono state 3.385 rispetto alle 3.753 dell’anno precedente, è altrettanto vero che «siamo ancora il Paese col maggior numero di vittime in tutta l’Europa dei 28». Parola di Giordano Biserni, presidente dell’Asaps (associazione sostenitori e amici Polstrada), che tiene sotto controllo i dati sulla mortalità delle strade italiane.

Droga e alcool - Tornando all’emendamento proposto, esso aggiunge un comma all’articolo 219 del Codice della strada sulla revoca della patente, recependo il parere della commissione Giustizia, e agisce anche sull’articolo 187 del Codice della strada (Guida sotto l’influenza di sostanze stupefacenti) e sul 589 del Codice penale, sostituendo la formula «in stato di alterazione psicofisica dopo l’assunzione di sostanze stupefacenti o psicotrope» con «in stato di alterazione psico-fisica causata dall’assunzione di sostanze stupefacenti o psicotrope». Perché mentre l’alcol viene velocemente assorbito dall’organismo, le tracce degli stupefacenti permangono nel tempo, e un soggetto potrebbe risultare positivo pur avendoli assunti giorni prima e non trovarsi più quindi in stato di alterazione psico-fisica al momento dell’incidente.

di Alessandra Mori

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Delta7

    13 Dicembre 2014 - 12:12

    Se venissero fatte prove psico-attitudinali serie prima del rilascio, non avremmo questo problema, invece si da la patente anche a chi ha riflessi da bradipo, ad alcolisti e a droghini e questo è il risultato in nome della democrazia !

    Report

    Rispondi

  • luisonsardella

    07 Dicembre 2014 - 10:10

    E dunque significa che, se uno ha fumato ad esempio una canna, nei giorni precedenti, risulta positivo e gli viene comunque revocata a vita la patente? Non capisco bene.... Qualcuno me lo spiega?

    Report

    Rispondi

  • zefleone

    05 Dicembre 2014 - 18:06

    Son capaci di far leggi e rubare i politicanti burocrati falliti ladri. Quando accadrà qualcosa a qualcuno ci sarà il pirla di turno che interpreta la legge, e dopo tre giorno chi ha commesso il reato è più bello di prima in giro come prima. Queste sono le istituzioni di merda italiane. Istituzioni composte da persone che interpretano a piacimento e delinquenti. Non è un offesa è realtà odierna

    Report

    Rispondi

  • primulanonrossa

    05 Dicembre 2014 - 18:06

    Ok, altra legge per in....re l'italico del nord visto che sarebbe applicata praticamente solo nel nord'Italia dalle altre parti sappiamo benissimo com'è !!!!!!!!! per non parlare degli extracomunitari, zingari, ed altre etnie varie che delle leggi italiane se ne strafottono per loro contano solo quelle che gli danno innumerevoli diritti

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog