Cerca

A scuola

Rapporto Ocse sulle nuove tecnologie: il tablet in classe non aiuta e fa peggiorare

Rapporto Ocse sulle nuove tecnologie: il tablet in classe non aiuta e fa peggiorare

Basta alle lavagne e al gesso bianco, basta ai quaderni con i margini e le copertine colorate. Negli ultimi anni le scuole italiane hanno fatto un salto in avanti con la tecnologia: sono arrivate le lavagne multimediali e interattive, gli iPad come registri e i computer come quaderni. Ma, i benefici portati dalle innovazioni, non sono sempre uguali a quelli che ci si aspetta. Secondo i dati dell'Ocse riportati dalla Stampa, pare che le tecnologie non portino un miglioramento nelle competenze linguistiche, matematiche e scientifiche. Anzi, un uso intensivo del computer a scuola conduce a risultati peggiori e fa isolare i ragazzi con handicap, secondo quanto rivelano i dati.

Manca l'organizzazione - Il problema non sta tanto nell'uso del pc in classe, come ormai avviene per il 66,8% dei ragazzi in Italia, ma nell'organizzazione della nuova didattica. Non c'è ancora un metodo unitario per coniugare insegnamento e nuove tecnologie. C'è chi ha pensato a classi traversali, come al liceo Lussana di Bergamo, dove i banchi non esistono più e si lavora in gruppi. E dove le valutazioni, prima ancora che i professori, se le danno gli stessi studenti. Oppure, ancora, c'è la flipper class, pensata perché gli studenti imparino a casa, con l'aiuto del computer e poi, solo dopo, arrivino in classe per chiarire i dubbi con gli insegnanti.

I nuovi libri digitali - E poi c'è la soluzione del Book in progress, con cui si vogliono far diventare i libri digitali. Saranno delle immense banche dati costruite dagli insegnanti e accessibili per i ragazzi dai loro tablet e computer. Ma di questi ultimi si dovrà imparare a fare a meno in alcuni momenti. Perché a rimetterci sono il rendimento e l'attenzione degli studenti, sempre meno capaci di creare o di essere indipendenti. Il cambiamento, del resto, viene sempre prima dalle persone, che dagli schermi colorati dei pc.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    28 Settembre 2015 - 15:03

    40 anni fa usavamo il regolo calcolatore ed il tecnigrafo.Il più delle volte i calcoli li facevamo manualmente.Poi venne il 1973 con le prime calcolatrici che eseguivano le 4 operazioni.Ed iniziò l'atrofizzazione del cervello.Poi venne il Pc e l'autocad.Ed il cervello finì con l'atrofizzarsi del tutto.Strano a dirsi,ma il Lem che atterrò sulla Luna lo costruirono usando il regolo calcolatore.

    Report

    Rispondi

  • pat2008

    28 Settembre 2015 - 14:02

    Qualcuno spieghi per favore a questo giornalista che la dicitura corretta è "flipped classroom" (che in inglese vuol dire "insegnamento capovolto") e non "flipper class". Anche se devo ammettere che anche a me, di fronte a questi metodi, girano le palle più di un flipper.

    Report

    Rispondi

blog