Cerca

Polveriera

"Ideologia gender come l'Isis": parla il cardinale, altra grana per Papa Francesco

Robert Sarah

La teoria gender provoca danni che eguagliano, e forse superano, quelli causati dai fanatici tagliagole dell’Isis. Lo sostiene il cardinale Robert Sarah, che guida il dicastero per il Culto Divino e la Disciplina dei sacramenti. Questa considerazione fa gridare allo scandalo, ancora una volta, durante i lavori di questo travagliato Sinodo. L’opinione del porporato è nota e non da oggi, ma evidentemente il fatto che il cardinale abbia usato, sempre durante l’assemblea sinodale, espressioni forti ha fatto circolare, soprattutto tra la stampa di sinistra, l’idea che in Vaticano questo rappresenti «un problema». Mentre si cerca di superare il clamore della ormai famosa «Lettera dei Tredici», dagli stessi circoli minori che stanno proseguendo i lavori sinodali emerge però una forte richiesta di «maggiore trasparenza e chiarezza», a cominciare dal testo-base, l’Instrumentum laboris.

Il cardinale Sarah, nei giorni scorsi, ha dunque spiegato che «l’ideologia del gender» e l’organizzazione dello Stato islamico-Isis hanno in comune «la stessa origine demoniaca». Perchè «quello che il nazismo, fascismo e il comunismo sono stati nel Ventesimo secolo, sono oggi le ideologie occidentali sulla omosessualità e l’aborto, e il fanatismo islamico», secondo Sarah. Che, tra l’altro, è uno dei firmatari della lettera inviata al Papa il 5 ottobre. Ed è indicato come un «conservatore», molto apprezzato da papa Benedetto XVI, il cui ultimo libro, O Dio o niente, che per inciso esprime con grande chiarezza tutte le sue posizioni su temi come il matrimonio, la difesa della vita, l’aggressione delle multinazionali «del pensiero unico», è diventato un best-seller in tutto il mondo.

Il ragionamento del porporato è chiaro e parte da lontano. La idolatria della libertà occidentale e il fondamentalismo islamico sono «come due bestie apocalittiche», che hanno ridisegnato la storia contemporanea, tanto che ora «ci troviamo in mezzo tra la teoria del gender e l’Isis». Da queste «due radicalizzazioni nascono le maggiori minacce alla famiglia: la sua disintegrazione soggettiva nell’Occidente secolarizzato attraverso il divorzio veloce e facile, l’aborto, le unioni omosessuali, l’eutanasia...» da un lato, ha detto Sarah. Dall’altro lato, ha proseguito, «la pseudo-famiglia ideologgizzata dell’islam con la poligamia legittimata, la sottomissione femminile, la schiavitù, il matrimonio di bambini», ha detto ancora il porporato, citando Al Qaeda, l’Isis, Boko Haram. L’intervento è stato riportato dal sito inglese National Catholic Register e da quello di Aleteia. Per inciso, lo stesso papa Francesco, nel gennaio scorso, aveva paragonato «la colonizzazione del gender» a quella «della Gioventù Hitleriana».

La richiesta di una sostanziale riscrittura della seconda parte dell’Instrumentum Laboris emerge dalle relazioni dei circoli minori anglofoni sinodali. Come spiega il sito Acistampa, pur con istanze differenti, tutti sembrano d’accordo, però, nel segnalare che «mancano delle solide referenze alle Sacre Scritture; che manca una definizione di famiglia; che non viene considerata l’indissolubilità del matrimonio da un punto di vista positivo». Richieste che appaiono fin dall’inizio del rapporto del circolo «Anglicus A», il cui moderatore è il cardinal George Pell, universalmente indicato come l’ispiratore della lettera dei Tredici. «Nel passato», si legge nella relazione del circolo, che viene presentata sempre da Acistampa, «il Santo Padre spesso usa i testi approvati alla fine come una base per una Esortazione Apostolica e abbiamo parlato di quanto questo approccio porti frutti. Tuttavia, riconosciamo le limitazioni di un documento che sarà approvato al termine del Sinodo. Sebbene ogni sforzo dovrebbe essere fatto per un linguaggio snello e attrattivo, una preoccupazione primaria è quella della chiarezza di ben fondate spiegazioni dell’insegnamento della Chiesa sul matrimonio e la famiglia».

di Caterina Maniaci

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ilpensatorevero

    06 Aprile 2016 - 17:05

    Il "Gender" è come l'ISIS? ...come un totalitarismo? Ahaha Ma sto prete si è bevuto tutto il vino della Messa XD? La polizia italiana ha commesso rapimenti ed assassinii, Vi è un leader autoritario...evidentemente NO. Basta guardare come l'opposizione in parlamento taglia le gambe al governo...

    Report

    Rispondi

  • ilpensatorevero

    06 Aprile 2016 - 17:05

    Il temutissimo e inesistente gender colpisce ancora ahah... Partiamo dall'assunto che 'gender' non vuol dire niente, forse cercavi "studi di genere" i quali si occupano di relazioni tra sesso(genitali),identità(come si sente uomo o donna), ruoli di genere (stereotipi,azioni,lavori che un uomo od una donna fanno in una società) in una persona. http://www.ilpost.it/2015/04/16/teoria-del-genere-gender-theory/ http://www.wikipink.org/index.php?title=Teoria_gender

    Report

    Rispondi

  • ilpensatorevero

    03 Aprile 2016 - 18:06

    Ora come ora il papa ufficialmente in carica è Francesco, per essere bravi cristiani si deve seguire la propria guida spirituale, se non lo si fa, non lo si è. Se non riconoscete la vostra guida,trovatevi un altra religione o filosofia di vita.

    Report

    Rispondi

  • antonya

    15 Ottobre 2015 - 20:08

    Sarah subito Papa!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog