Cerca

La croce di Benedetto XVI

Vaticano, Socci: ecco i poteri forti di cui ha paura Papa Ratzinger

Vaticano, Socci: ecco i poteri forti di cui ha paura Papa Ratzinger

 

di Antonio Socci

È possibile che Benedetto XVI tema l’interferenza dei mass media sul prossimo Conclave? Vuol mettere in guardia la Chiesa e specialmente i cardinali dal rischio che siano questi pervasivi strumenti a influenzarli nelle scelte decisive che devono fare? La domanda sorge considerando gli straordinari interventi che in queste ore ci regala Benedetto XVI quasi a voler preparare spiritualmente i porporati alla scelta migliore. Mi riferisco in particolare alla sorprendente conversazione di giovedì scorso con i parroci romani, durante la quale ha denunciato, pur col suo stile mite, gli effetti devastanti che i media hanno prodotto al tempo del Concilio sulla Chiesa.

Rileggiamo le sue parole: «Vorrei adesso aggiungere ancora un terzo punto: c’era il Concilio dei Padri - il vero Concilio -, ma c’era anche il Concilio dei media. Era quasi un Concilio a sé, e il mondo ha percepito il Concilio tramite questi, tramite i media. Quindi il Concilio immediatamente efficiente arrivato al popolo, è stato quello dei media, non quello dei Padri. E mentre il Concilio dei Padri si realizzava all’interno della fede, era un Concilio della fede che cerca l’intellectus, (…) il Concilio dei giornalisti non si è realizzato, naturalmente, all’interno della fede, ma all’interno delle categorie dei media di oggi, cioè fuori dalla fede, con un’ermeneutica diversa. Era un’ermeneutica politica: per i media, il Concilio era una lotta politica, una lotta di potere tra diverse correnti nella Chiesa. Era ovvio che i media prendessero posizione per quella parte che a loro appariva quella più confacente con il loro mondo». 



Leggi l'articolo integrale di Antonio Socci
su Libero in edicola oggi, sabato 16 febbraio

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ciprino

    17 Febbraio 2013 - 21:09

    bene. Sei rimasto ai tempi dei ricreatori dove da ragazzini, dopo la partitella, ti veniva data la rosetta con la cioccolata triangolare (ti ricordi?). Ma claudionebridio ha pienamente ragione. Sottoscrivo in pieno. Saluti

    Report

    Rispondi

  • claudionebridio

    17 Febbraio 2013 - 18:06

    Al Vaticano hanno lasciato penetrare lentamente la massoneria (la massoneria impone ai suoi adepti di seguire la neo-gnosi e riti esaltanti il "portatore di luce", ossia Lucifero, ossia Satana, quindi proprio quel fumo di Satana -senza virgolettato- di cui parlava Paolo VI). La massoneria sta puntando da secoli a distruggere il cristianesimo, soprattutto quello cattolico, impedimento scomodo sulla via della costruzione della "Repubblica Universale massonica". In pratica, uno Stato totalitario gestito da una elite ("illuminati", banchieri, "filantropi", finanzieri, politici asserviti, ultralaicisti) che si ritiene il vertice della piramide; quella che deve governare sul popolo, classificato "bue" per antonomasia in quanto, come per tutti i regimi totalitari, esso sarà lo schiavo degli autoeletti. L'hanno fatto con la rivoluzione socialista creando uno degli Stati più oppressivi della Storia, oggi di nuovo proposto con l'Europa e l'ONU, lanciati verso la globalizzazione mondiale.

    Report

    Rispondi

blog