Cerca

Nel regno leghista

Corso di arabo alle elementari
Il Marocco colonizza Treviso

Finanziati dal governo nordafricano, insegneranno la lingua, la cultura e la storia musulmana. Cedimento all'Islam in nome dell'integrazione

Corso di arabo alle elementari
Il Marocco colonizza Treviso

L’insegnamento della lingua araba nella scuola italiana parte inaspettatamente dalla fortezza del Nordest, la dura e pura Treviso. Proprio gli abitanti della Marca gioiosa, che agognavano al dialetto veneto come lingua ufficiale, manderanno i figli a imparare l’arabo. Infatti, la scuola elementare Coletti inserirà nell’orario scolastico le lezioni di «corso lingua e cultura araba». L’istituto trevigiano è il primo in Italia a implementare un corso di arabo totalmente gratuito, perché pagato dal governo del Marocco. «Un traguardo clamoroso per l’associazione Intermedia» commenta il professore marocchino residente a Treviso ZinounBouchra «…i bambini dalla terza alla quinta avranno la possibilità di imparare l’alfabeto arabo, la storia e la cultura da cui provengono tanti loro compagni. E tutto durante l’orario scolastico. Treviso batte un colpo nel campo dell’integrazione e l’iniziativa è assolutamente gratuita».  

Comprendiamo la gioia del prof marocchino per il traguardo raggiunto, ma ci permettiamo di dubitare dell’utilità didattica dello studio dell’arabo per ragazzi in tenera età. Anche se, a dirla tutta, l’innovazione appare un avvicinamento, o più maliziosamente un indirizzamento alla cultura islamica più che un corso finalizzato all’apprendimento di un idioma.  Così i fioi de Treviso conosceranno poco o nulla della Repubblica Serenissima, delle mutilazioni e del martirio eroico di Marcantonio Bragadin, generale della Repubblica veneta, torturato e trucidato in nome dell’Islam, il cui cadavere fu issato sul pennone di una galea ottomana e portato a  Costantinopoli, dopo giorni di prigionia con naso e orecchie mozzate. Poitiers, Lepanto, millenni di storia e battaglie spazzati via dai sussidiari di scuola in cambio del Corano e della Mecca. Non essendo riuscita la conquista con le armi, oggi, in nome del falso mito dell’integrazione razziale, la colonizzazione araba parte dalla scuola elementare. Complimenti alla lungimiranza del governo marocchino che, dopo aver favorito lo sbarco clandestino di migliaia di marocchini in Italia, riesce a istituire e sovvenzionare corsi di cultura araba nella roccaforte del leghismo e della razza Piave. E noi che facciamo? Subiamo sempre. 

Miopi e ipocriti  Siamo abbindolati da questa barzelletta dell’integrazione razziale senza renderci conto che avviene sempre e solo a senso unico. In Alto Adige sta sparendo l’italiano per far largo al tedesco e il Veneto vuole andare oltre: marocchino gratuito a 7 anni. Così formiamo le classi dirigenti del futuro capaci di competere sul mercato globale, insegnando alla nostra gioventù come si rivolge il tappetino alla Mecca e i dogmi maomettani. Rifinanziamo la missione dei militari italiani per proteggerci da Al Qaeda, all’Onu discutiamo sulla guerra alla Siria, ma a Treviso blandiamo l’Islam che così s’insinua subdolamente nel nostro tessuto sociale. E non voglio immaginare l’espressione del viso di quei genitori che un giorno, in luogo del Pater noster, sentiranno recitare la preghierina dell’ora di pranzo dal proprio figlio: Allah Akbar!

di Matteo Mion

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tutorgraph62@gmail.com

    tutorgraph62

    08 Marzo 2015 - 17:05

    E' sempre stata mia ferma convinzione, che ciò a cui si vuole "politicamente" giungere non sia una "integrazione" bensi' una "assimilazione" ovvero un processo che presuppone la perdita di identità e valori, tra l'altro costituzionalmente garantiti, da parte del popolo ospitante: "L'Islam non ammette diversità,per cui lo stato deve imporre a noi italiani la tacita accettazione. Questa è dittatura!

    Report

    Rispondi

  • allianz

    01 Dicembre 2014 - 16:04

    I travisani gli hanno dato il voto?Cazzi loro.

    Report

    Rispondi

  • biagio14

    02 Maggio 2014 - 10:10

    Idioti

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    30 Settembre 2013 - 22:10

    Si sono fatti migliaia di chilometri tra fame e pestilenze, per andare a rompere i coglioni agli arabi che se ne stavano tranquilli, pacifici e felici a casa loro, massacrandone a migliaia, donne e bambini, al grido di "Dio lo vuole". Ha! Ha! Ha! Ha! Ha! Ha! Ha! Arabi tranquilli e pacifici e felici? Ma quando mai! Sono pronto per le nuove crociate, l'invasione barbarica è appena all'inizio.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog