Cerca

I nostri soldi

Cento milioni per la "Nuvola" di Fuksas

Prestito di Stato nella Legge di Stabilità per l'opera dell'archistar all'Eur. Brunetta all'attacco: "Una marchetta"

Cento milioni per la "Nuvola" di Fuksas

Ci sono migliaia di imprenditori senza soldi per far sopravvivere le loro aziende alla crisi e alla chiusura dei rubinetti da parte delle banche. ma i soldi per l'archistyar si trovano sempore. Come i cento milioni di euro previsti dalla Legge di stabilità per il completamento dei lavori della "Nuvola" di Massimiliano Fuksas all'Eur di Roma. Un prestito che Eur Spa avrà trent'anni di tempo per restituire al tasso dei Bot quinquennali. Il rischio concreto era quello che l’opera restasse a metà per mancanza di fondi. Ma la società è per il 10% di proprietà del Campidoglio e per la restante parte del ministero delle Finanze. Quindi, paga Pantalone (cioè noi). "Lo stanziamento permette di procedere senza dover vendere parte del nostro patrimonio" spiega il presidente di Eur Spa Pierluigi Borghini. Che dettaglia anche la data di fine lavori: un anno per chiudere il cantiere. Sei mesi per l’agibilità. "Poi l’inaugurazione, in tempo per l’Expo 2015 di Milano".

L’opera è stata soprannominata la «Nuvola» perché Fuksas ha previsto un grande parallelepipedo di acciaio e vetro alto 40 metri, largo 70 e lungo 175, al cui interno si trova una sala-auditorium costituita da un contenitore a forma, appunto, di nuvola ricoperto da una membrana di fibra di vetro e silicone, che sembra galleggiare nella teca. Sull’erogazione del prestito di Stato - l’emendamento è stato sollecitato, tra gli altri, dall’ex sindaco di Roma Gianni Alemanno, dalla deputata Ncd Barbara Saltamartini e dai consiglieri capitolini Davide Bordoni e Sveva Belviso - qualcuno ha avuto da ridire. In primis l’ex ministro della Funzione Pubblica Renato Brunetta. Che ha parlato apertamente di "marchetta" inserendo l’aiuto a Eur Spa in un elenco di 12 voci - tutte comprese nella Legge di Stabilità - che va dai "200 mila euro per uno studio di fattibilità finalizzato al miglioramento dell’offerta trasportistica nell’area dello Stretto di Messina ai 126 milioni di euro per i lavoratori socialmente utili della Calabria". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • attualità

    25 Aprile 2014 - 16:04

    I cinesi hanno invaso tutti i settori dell'economia,quasi Mondiale. Ma si sono scordati della politica,la piu' redditizia .Cinesi muovetevi per il bene principalmente degli Italiani prendete i governi !!

    Report

    Rispondi

  • milibe

    28 Dicembre 2013 - 16:04

    in tempi di crisi come questo era proprio necessario? ma per favore politici finiamola di depredarci, alle prossime elezioni sicuramente ce ne ricorderemo, i ladroni andranno a finire male

    Report

    Rispondi

  • giorgio_collarin

    28 Dicembre 2013 - 03:03

    Seminiamo soldi dei contribuenti per raccogliere... rape!!!

    Report

    Rispondi

  • aldogam

    27 Dicembre 2013 - 10:10

    Chi ha calcolato il budget dell'opera? Chi è responsabile della realizzazione? I conti risultano sbagliati di quasi duecento milioni (quasi 400 miliardi di vecchie lire). Sarà anche un'opera originale, ma dubito che sia necessaria, così come dubito che, anche in trent'anni, possa ripagare l'investimento, salvo altre marchette, ovviamente.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog