Cerca

Sud, vita meno cara del 16,5%

Calderoli: "Gabbie salariali"

Sud, vita meno cara del 16,5%
Il ministro per la Semplificazione normativa, Roberto Calderoli, torna a chiedere a gran voce le "gabbie salariali". Questo alla luce dallo studio di Bankitalia sulle differenze nel livello dei prezzi al consumo tra Nord e Sud riferiti al 2006. Il ministro leghista approfitta dunque dei dati per rilanciare la regionalizzazione delle buste paga: "Se il governo ha deciso di risolvere la questione meridionale, anche attraverso la fiscalità di vantaggio, ritengo altrettanto necessaria e urgente la risoluzione della questione settentrionale. Nel senso che bisogna porre attenzione alle nostre proposte riguardanti le buste paga parametrate sul reale costo della vita nelle diverse aree del Paese». Bankitalia in effetti certifica che la campagna di Umberto Bossi - 'la busta paga padana' - ha dei fondamenti concreti. A tal punto che con il Senatur si schiera anche un rappresentante meridionale della maggioranza, Osvaldo Napoli, vicepresidente dei deputati PdL.

Divario Nord-Sud - Nelle regioni del Sud, secondo lo studio 'Le differenze nel livello dei prezzi al consumo tra Nord e Sud' di Luigi Cannari e Giovanni Iuzzolino, inserito nella collana 'Questioni di economia e finanzà dellam Banca d'Italia, il livello dei prezzi è del 16,5% inferiore rispetto a quello del Centro Nord. Se si considera che i prezzi dei prodotti alimentari, dell'abbigliamento e dell'arredamento (circa un terzo della spesa per consumi delle famiglie) siano i soli a presentare differenze nel territorio, il costo della vita nel Mezzogiorno risulta inferiore di circa il 3 per cento rispetto al resto del Paese. Il costo degli affitti nel Sud, però, è pari a circa il 60 per cento di quello del Centro Nord, a parità di caratteristiche qualitative degli immobili, come misurate nell'indagine sui bilanci delle famiglie condotta dalla Banca d'Italia. Il costo dei combustibili e dell'energia risulta di poco superiore nel Mezzogiorno rispetto al Centro Nord (2,2 per cento); quello dei servizi è invece inferiore del 15 per cento. Queste categorie di spesa rappresentano rispettivamente il 5 e il 38 per cento della spesa complessiva delle famiglie. Considerando tutto qyesto, la stima del divario tra Centro Nord e Mezzogiorno è dell'ordine del 20 per cento; se si considera invece che i prezzi dei servizi rilevati dal Mise siano rappresentativi solo di alcune componenti di spesa per servizi e che per i restanti prodotti non vi siano differenze territoriali, nelle regioni meridionali il livello dei prezzi è del 17 per cento inferiore a quello del Centro Nord. Incorporando il maggior onere nel Mezzogiorno rilevato per i premi di assicurazione dei mezzi di trasporto tale valore scende al 16,5 per cento circa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nurrak

    05 Agosto 2009 - 09:09

    Dal profondo nord al sud parlo con cognizione di causa, vivendoci da oltre tre anni. In realtà il divario è ancora maggiore. Quanto ho notato io è il livello di "nero" che viene fattuarato. In alcuni campi siamo alla totalità. Secondo uno studio l'evasione fiscale è maggiormente rilevata dove quasi tutti pagano le tasse. In località dove praticamente nessuno le paga (a parte gli sfigatissimi dipendenti) l'avesione non viene neppura rilevata. Ma se anche aguardiamo la voce dipendenti scopriamo che essi sono in nero. Ne consegue che buona parte dell'economia meridionale è sommersa. Inoltre le gabbie salariali esistono già in modo naturale. Ho conosciuto decine di cittadini che pur non lavorando in nero ricevevano netto alla mano molto meno di quanto indicato sulla busta paga. La stessa disoccupazione è pressochè fittizia. A Napoli quasi tutti lavorano. Ovviamente non ufficialmente. La verità è che la classe dirigente meridionale è rapace all'inverosimile con scarsissimo senso della comunità ed altissimo senso del proprio portafoglio. Su questo punto mi si potrebbe obiettare che tutte le classi impreditoriali lo sono. Questo è parzialmente vero. Solo che i i politici indigeni non le controllano, anzi ci fanno affari. Questi per evitare la tragedia in 60 anni hanno distribuito a pioggia lavori statali o pensioni fittizie, ma ora i soldi sono finiti. In sintesi il nostro Sud assomigli molto più a un paese sudamericano che ad una europea. A riprova di questo basta vedere quanto bene vivano le classi abbienti, chiuse nelle loro ville circondate da guardie armate. Immagini che possiamo vedere a Caracas, Bogotà, Medellin ma di certo non a Francoforte, Stoccolma e neppure a Tolosa

    Report

    Rispondi

  • nurrak

    05 Agosto 2009 - 09:09

    Dal profondo nord al sud parlo con cognizione di causa, vivendoci da oltre tre anni. In realtà il divario è ancora maggiore. Quanto ho notato io è il livello di "nero" che viene fattuarato. In alcuni campi siamo alla totalità. Secondo uno studio l'evasione fiscale è maggiormente rilevata dove quasi tutti pagano le tasse. In località dove praticamente nessuno le paga (a parte gli sfigatissimi dipendenti) l'avesione non viene neppura rilevata. Ma se anche aguardiamo la voce dipendenti scopriamo che essi sono in nero. Ne consegue che buona parte dell'economia meridionale è sommersa. Inoltre le gabbie salariali esistono già in modo naturale. Ho conosciuto decine di cittadini che pur non lavorando in nero ricevevano netto alla mano molto meno di quanto indicato sulla busta paga. La stessa disoccupazione è pressochè fittizia. A Napoli quasi tutti lavorano. Ovviamente non ufficialmente. La verità è che la classe dirigente meridionale è rapace all'inverosimile con scarsissimo senso della comunità ed altissimo senso del proprio portafoglio. Su questo punto mi si potrebbe obiettare che tutte le classi impreditoriali lo sono. Questo è parzialmente vero. Solo che i i politici indigeni non le controllano, anzi ci fanno affari. Questi per evitare la tragedia in 60 anni hanno distribuito a pioggia lavori statali o pensioni fittizie, ma ora i soldi sono finiti. In sintesi il nostro Sud assomigli molto più a un paese sudamericano che ad una europea. A riprova di questo basta vedere quanto bene vivano le classi abbienti, chiuse nelle loro ville circondate da guardie armate. Immagini che possiamo vedere a Caracas, Bogotà, Medellin ma di certo non a Francoforte, Stoccolma e neppure a Tolosa

    Report

    Rispondi

  • Camilla_libero

    05 Agosto 2009 - 08:08

    Venite a Sorrento, e vedete come costa poco la vita. e non dite "eh, già, è un posto turistico..."

    Report

    Rispondi

  • gasparotto

    05 Agosto 2009 - 01:01

    Ma quale gabbie salariali,sarà pur vero che al sud la vita costa quel poco di meno, ma ci sta una fame belluina, una disoccupazione enorme ed una miseria e fame da fare spavento. Forse questo sfugge a Calderoli. Bisogna che qualcuno glielo rammenti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog