Cerca

bello vincere facile

Lombardia, Ambrosoli corre al Pirellone
ma si scorda di dimettersi dal Corriere

Il candidato del Pd per le regionali ha un problema grosso. E' nel Cda del Corriere. Il quotidiano più diffuso in Lombardia. Mantenga la promessa, ora deve dimmettersi

Una posizione "comoda" che già lo ha portato alla vittoria delle primarie. Ora però deve mollare la poltrona se vuole correre per il Pirellone
Lombardia, Ambrosoli corre al Pirellone
ma si scorda di dimettersi dal Corriere

Umberto Ambrosoli ha vinto le primarie. Sarà il candidato per il centrosinistra nella corsa al Pirellone per elezioni regionali in Lombardia. Un bel risultato per l'avvocato milanese. Ma c'è un piccolo problema. Ora che la partita è cominciata Ambrosoli deve risolvere un dolce problema che ha dentro casa. L'avvocato ha un conflitto d'interessi che pesa sulla sua testa. E il conflitto è bello pesante. Ambrosoli siede nel consiglio d'amministrazione del Corriere della Sera. Il quotidiano più diffuso e venduto in Lombardia. Non poco per uno che vuole governarla. Insomma Ambrosoli anche solo indirettamente da via Solferino può avere una bella mano per farsi una campagna elettorale da leone. Circa un mese fa qualcuno gli aveva fatto notare questo problema. Questa sua posizione "comoda". Lui fregandosene anche degli altri candidati alle primarie il passo indietro non l'ha fatto. E dopo essersi preso il 58 per cento dei consensi alle primarie bisogna ricordargli la promessa che aveva fatto. Il 14 novembre scorso aveva twittato: "Se dovessi vincere le primarie il passo indietro sarà inevitabile". Di sicuro stando in Rcs era difficile perdere quelle primarie. E la vittoria è l'unica cosa finora inevitabile. Ora però l'avvocato deve mantenere la promessa. Deve dimettersi dal Cda del Corriere. Solo così potrà avere una campagna elettorale senza ombre e corsie preferenziali. A destra i conflitti d'interesse ci sono pure. La sinistra li ha sempre attaccati, solo verbalmente, con ferocia. Ora è giusto che il Pd sia coerente. Ambrosoli dimettiti dal Corriere. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • eugenio58

    03 Gennaio 2013 - 12:12

    Ma che dici, il Pd ha al suo fianco il Tg3 di bianchina sassarese, del gruppo Espresso, di Repubblica e dei giornali locali come nella mia Sssari, La Nuova Sardegna e di alcuni quotidiani nazionali come Corriere, Stampa ecc. Solo che se è la sinistra ad averli tutto è concesso, alla faccia del pluralismo, nasconditi e argomenta con la tua testa non con quella del Pd.

    Report

    Rispondi

  • flacka

    17 Dicembre 2012 - 19:07

    ..... questa improvvisa sensibilità contro Ambrosoli,quando avete ripetutamente baciato le terga al padrone di tre televisioni nazionali, un quotidiano (che dovrebbe essere vostro concorrente ma in realtà siete una copia omoincestuosa), una delle più grandi case editrici che per vent'anni le sta schiavizzando per tirasi la volata in politica. Faccio sempre più fatica a dimostrare il contrario alle persone che sostengono che siete dei buffoni.

    Report

    Rispondi

  • valerio5

    17 Dicembre 2012 - 18:06

    non è niente rispetto a quello del cinese in coma!!! macomemai al cinesein comanon chiedete mai dirisolvere il suo mastodontico conflitto dì interessi?un assaggio lo abbiamo avuto ieri pomeriggio!!! ma perchè non tacete qualche volta?

    Report

    Rispondi

  • ilrobertino

    17 Dicembre 2012 - 16:04

    di ambrosoli conosco soltanto delle orribili caramelle al miele.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog