Cerca

L'iniziativa

Ernesto Pellegrini apre il primo ristorante solidale a Milano: un pasto, 1 euro

Ernesto Pellegrini apre il primo ristorante solidale a Milano: un pasto, 1 euro

Il 27 ottobre aprirà ufficialmente il primo risotrante solidale, Ruben. Situato in via Gonin 52, nella periferia ovest di Milano in una zona difficile fra via Lorenteggio e Giambellino, non ha nulla della mensa solidale; il locale ha tutte le sembianze di un ristorante milanese qualsiasi, per consentire a chi ne usufruisce di non sentirsi in alcun modo inferiore, senza dignità. L'ideatore, Ernesto Pellegrini, imprenditore italiano ex presidente dell'Inter tra il 1984 e il '95, ha voluto regalare alla città ambrosiana un punto di incontro, aperto dal lunedì al venerdì, con 500 coperti su due turni, in cui un pasto completo ha il costo simbolico di un euro. I clienti sono tutti coloro che si trovano in una situazione difficile, non solo i senzatetto, ma anche i disoccupati, i separati, i profughi e le persone sommerse dai debiti.

Chi è Ernesto Pellegrini -  In molti lo ricorderanno come l'ex presidente dell'Inter nel decennio glorioso '84-'95; ma Pellegrini è stato soprattutto un imprenditore nel settore della ristorazione collettiva. La sua carriera è iniziata a soli 20 anni come contabile nella ditta Bianchi, finché un giorno viene nominato responsabile del servizio mensa aziendale. Sono gli anni '60, periodo di boom economico per l'Italia e il giovane Pellegrini capisce immediatamente il forte business che si cela dietro al servizio di ristorazione nei posti di lavoro. Nel 1965 fonda l'Organizzazione Mense Pellegrini, un vero colosso nel settore della ristorazione collettiva, mensa e buoni pasto. Il 1975 è invece l'anno della fondazione di Pellegrini S.p.A. e Pellegrini Catering Overseas S.A., un' azienda che opera in 7 paesi dell'Africa quali Angola, Camerun, Congo, Libia,Yemen, Mozambico e Nigeria; entrambe hanno fatturato 500 milioni di euro contando un totale di 7500 dipendenti. Nel dicembre 2013 costituisce la Fondazione Ernesto Pellegrini ONLUS, che si propone di aiutare le tante persone che si trovano in condizione di temporanea difficoltà economica e sociale. Il Ristorante Ruben rappresenta l’avvio di questo progetto.

La storia del contadino Ruben - In gioventù Ernesto Pellegrini viveva in una cascina della periferia milanese con i genitori e altre famiglie, per ridurre i costi d'affitto. Intorno alla cascina coltivavano la terra e Ruben il contadino lavorava duranemente, senza possedere nulla eccetto un letto di paglia nella stalla, tre chiodi nel muro come armaddio e due cavalli per compagnia. Nel 1962 la cascina viene demolita per costruire case popolari e agli inquilini del casolare vengono assegnati piccoli alloggi alternativi. Ma nessuno pensa a Ruben, che si rifugia a vivere in una baracca di legno. Pellegrini, che all'epoca viveva di miseri guadagni, si era sempre ripromesso di trovare un'occupazione e una casa al suo amico contadino; ma la vita non aspetta nessuno. Un giorno Ernesto Pellegrini legge sul giornale: "Barbone morto assiderato nella sua baracca"; era Ruben. Il vero Ruben, Pellegrini non era riuscito a salvarlo, ma adesso, dopo quasi 50 anni, l'ex presidente dell'Inter ha deciso di aiutare tutti gli altri Ruben, che vivono ai margini senza che nessuno si accorga di loro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • da.ri.os.

    09 Ottobre 2014 - 13:01

    Se è vero quanto letto e non ci sono scopi reconditi.....BRAVO Pellegrini. E' bello che esistano persone così. Spero che altri facoltosi si associno a lui per aiutarlo e condividere questo bel gesto.

    Report

    Rispondi

  • Satanasso

    09 Ottobre 2014 - 13:01

    Tanto alla fine ad usufuirne saranno sempre i soliti extracomunitari...

    Report

    Rispondi

  • jerico

    09 Ottobre 2014 - 08:08

    Signor Pellegrini ,quà la mano , lei sì meriterebbe il Nobel per la pace , non l'inquilino della Casa Bianca !

    Report

    Rispondi

  • kingapache

    09 Ottobre 2014 - 06:06

    Non ci sono Parole. Altri dovrebbero seguire il Suo esmpio............

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog