Cerca

Viale Mazzini

La Rai paga Fazio tre volte:
autore, conduttore, ideatore

Secondo alcune indiscrezioni, rivela Brunetta, il presentatore risulta anche proprietario di "Che tempo che fa" ceduto poi in licenza alla Endemol

18 Ottobre 2013

25
Fabio Fazio

Fabio Fazio

Mai mollare l’osso. Soprattutto se  l’osso in questione offre tutti i giorni un pezzo di polpa. E siccome il presidente dei deputati del Pdl, Renato Brunetta, è uno abituato a colpire con precisione chirurgica, il confronto-scontro con  Fabio Fabio, conduttore del programma di Rai Tre “Che tempo che fa” si arricchisce di un altro capitolo. 

Seguendo la pista indicata ieri da Libero (Fabio, oltre al contratto standard che regola il suo rapporto di lavoro con la Rai, godrebbe anche  di benefit vari e compensi accessori) l’esponente azzurro ha presentato due interrogazioni al presidente della commissione di Vigilanza sulla Rai, Roberto Fico, incentrate  sulla trasmissione di Rai Tre e sul compenso del conduttore.  «Secondo indiscrezioni il presentatore del programma  risulterebbe essere il proprietario del format “Che tempo che fa” e tale format sarebbe stato ceduto», sostiene l’ex ministro del governo Berlusconi, «in un secondo momento, in licenza, alla società di produzione televisiva Endemol, che verserebbe a Fazio, come corrispettivo per la licenza, circa 4 mila euro a puntata, che si aggiungerebbero al compenso annuo del conduttore pari a 1,8 milioni di euro». Quello del “format” non è affatto un tema secondario. Il fatto di esserne il proprietario garantisce una rendita non indifferente, essendoci  in ballo i  diritti di sfruttamento connessi alle repliche.

Non solo. Fazio, oltre ad essere conduttore, risulterebbe anche tra gli autori del programma e quindi «percepirebbe, a questo titolo, i diritti Siae». Insomma, come sfruttare - e bene - una bella miniera d’oro a spese delle Rai. Nell’interrogazione alla Vigilanza Brunetta chiede se «quanto esposto corrisponda al vero, se i vertici Rai siano a conoscenza di tali fatti e non ritengano opportuno fare piena trasparenza al riguardo». Nella seconda interrogazione Brunetta solleva la questione connessa al ruolo del capostruttura di Rai Tre Loris Mazzetti  che, per difendere Fazio, ha attaccato l’esponente azzurro.  Il tema dei cachet di conduttori e delle star della tv pubblica, ovviamente, è entrato dritto dritto nel dibattito del consiglio di amministrazione   di ieri, dopo aver dato il via libera alla nomina di Vincenzo Morgante a direttore della Tgr. Il direttore generale della Rai,  Luigi Gubitosi, e la presidente Anna Maria Tarantola avrebbero difeso la scelta di rinnovare in anticipo il contratto del conduttore di “Che tempo che fa”, così come il compenso. Nel corso della riunione, poi, sarebbero state segnalate da parte di alcuni consiglieri varie «criticità» sulla gestione di Rai Uno, emerse durante l’audizione dello stesso direttore della rete ammiraglia. Gli stessi amministratori dell’emittente di Stato avrebbero  sollevato anche il tema dell’eccessivo potere contrattuale di alcuni agenti televisivi, come Lucio Presta e Beppe Caschetto, capaci di «dettare» i palinsesti ai direttori di rete. Gli unici a non rischiare mai.

Del resto se «Fazio non firmava in anticipo il rinnovo con la Rai, lo prendevo io», ha chiosato Urbano Cairo, patron de La7, dove è rimasto Maurizio Crozza. Un video, in fondo, è sempre pronto per le golden star della Tv di casa nostra.

di Enrico Paoli

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • billye

    04 Dicembre 2013 - 17:05

    brunetta fà bene . Ma mi sarei aspettato che si incazzasse anche quando ha saputo che Berlusconi ha frodato al fisco una barca di soldi e quindi li ha RUBATI a noi tutti

    Report

    Rispondi

  • Janses68

    21 Ottobre 2013 - 14:02

    Se alla Rai spendessero di piu ' per formare nuove persone ....invece di strapagare quelle che hanno. Fazio ci sguazza e fa la bella vita in Rai da tempo ,cosi' come tanti altri. Poi vabbe' se sono di sinistra li paghiamo meglio perche' fanno satira aggratis...

    Report

    Rispondi

  • roberto5310

    21 Ottobre 2013 - 13:01

    Insomma voi vi lamentate del compenso di Fazio, perché pagato con soldi del canone, quando questo almeno un po' alla Rai fa entrare qualcosa e non diciamo niente sugli stipendi dei vari parlamentari (come lo stesso Brunetta) che non solo non fa guadagnare nulla ma non è neanche meritevole di tale stipendio in quanto nominato e non eletto con la legge porcata Lea/Pdl???? Ma siete proprio dei Komunistoni!!!!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media