Cerca

Caos totale

Pd, le primarie finiscono in rissa

Pd, le primarie finiscono in rissa

Nel Pd finisce in rissa. Gli ingredienti sono esplosivi: calci, sputi e denunce. Il caos è scoppiato durante le primarie per l'elezione dei segretari regionali. A Roma è successo di tutto. Come racconta il Corriere, mentre Renzi è occupato nella sua avventura a palazzo Chigi, tra i dem volano stracci. Sabato pomeriggio al centro congressi della Cgil il Pd ratifica l'elezione a segretario regionale di Fabio Melilli.

Rissa e 118 - Ospiti per l'investitura del democratico, Nicola Zingaretti, David Sassoli, Ignazio Marino e Stefano Fassina. La rissa esplode quando la maggioranza del partito decide di eleggere presidente non Lorenza Bonaccorsi, la renziana perdente alle primarie, ma Liliana Minnocchi fedelissima di Marco Di Stefano un deputato che nel Lazio raccoglie un mucchio di voti. E così con la renziana silurata scoppia il caos. Volano le tessere, due colpiscono in faccia Melilli, mentre Massimiliano Dolce, un delegato di Palestrina crolla a terra colpito da un principio di crisi epilettica. Arriva anche un'ambulanza del 118. Il caso del Pd del Lazio alza il velo su un malessere generale che insidia le stanze del Pd. Nel partito è in corso una faida senza precedenti tra renziani e sinistra dem. Al punto che nelle primarie locali i conti vengono regolati fisicamente con risse senza esclusione di colpi. Così nel Pd ci si chiede se le primarie siano ancora un metodo appropriato per decidere le cariche e le candidature.

Primarie al veleno - A Firenze ad esempio avevano pensato di abolirle per la scelta del candidato sindaco del dopo-Renzi. Ma dopo aver lanciato Dario Nardella verso palazzo Vecchio hanno pensato di farle tenendo fuori il candidato più temibile Eugenio Giani. Il tutto per evitare il rischio di un'altra rissa. E nel caos non mancano i dubbi e i sospetti sull'affluenza record a Bari e sui voti degli stranieri a Modena. L'ultima indiscrezione su quel voto "gonfiato" parla di qualcuno che avrebbe fornito agli extracomunitari i due euro necessari per votare e ad un gruppo di filippini addirittura sarebbe stato offerto pure il pranzo. Insomma Renzi da palazzo Chigi non controlla più il partito. E ora a scandire il tempo tempo del Nazareno c'è solo il suono delle urla e degli schiaffi che volano alle primarie in tutta Italia. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • luciano catani

    17 Marzo 2014 - 21:09

    Bene, benissimo, avanti tutta! Deve esplodere!!

    Report

    Rispondi

  • blu521

    17 Marzo 2014 - 14:02

    Una pallida imitazione del partito dell'amore (a pagamento)

    Report

    Rispondi

    • colombinitullo

      17 Marzo 2014 - 16:04

      Caro monocromo mononeuronico e monotematico ma una volta,dico una,che lei non sia assillato dal pensiero di colui che regolarmente gliela infila nel retto (parlo solo di intelligenza) è possibile? Lei è di una monotonia allucinante,è così anche in famiglia? guardi che la prendono per scemo(non fanno fatica obiettivamente)e chiedono l'invalidità e l'accompagnamento e noi paghiamo.

      Report

      Rispondi

    • alvit

      17 Marzo 2014 - 15:03

      Ma perchè devi sempre e solo scrivere di casa tua, di tua moglie e di tua figlia? almeno lascia fuori la madre alla quale piace imitare il partito dell'amore a pagamento.Cetriolone

      Report

      Rispondi

  • Janses68

    17 Marzo 2014 - 14:02

    Come sempre si fanno riconosce per quel partito poco unito che sono.... Si spacchino anche loro formando una sinistra alternativa alla sinistra stessa .... ovvero la sinistra dei dinosauri. Che buffoni , come fa' un capo del governo che fa' parte di quel partito a non mettersi le mani tra i capelli e chiedersi ... con chi cazzo mi sono andato a confondere ???

    Report

    Rispondi

  • Napolionesta

    17 Marzo 2014 - 14:02

    che bel partito il PD.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog