Cerca

Il retroscena

Forza Italia, Denis Verdini nel mirino del cerchio magico azzurro

Forza Italia, Denis Verdini nel mirino del cerchio magico azzurro

"Io sono sicuro della fedeltà di Denis". Silvio Berlusconi ha risposto così sul Fatto Quotidiano a chi parlava di "tradimento" in merito alle polemiche che hanno investito Denis Verdini all'interno di Forza Italia. Il Cav pubblicamente dice di essere convinto di non doversi preoccupare, ma il retroscena di Paola Di Caro sul Corsera parla di un ex premier furioso, che vuole far sbollire la rabbia prima di prendere una decisione e decidere la strategia.

Nell'angolo - Di certo, con Berlusconi che ha ufficialmente decretato la morte del Patto del Nazareno, Verdini è stato messo all'angolo. Il "cerchio magico" guidato dalla fedelissima Mariarosaria Rossi ha segnato infatti ieri una doppietta: mettere a margine il potente uomo della trattativa e porsi loro stessi - quel gruppo di quarantenni che va da Toti alla Bergamini, dalla Gelmini a Fiori, a Cattaneo passando per l' alleanza oggi obbligata con i capigruppo Brunetta e Romani, con i meno schierati Bernini, Carfagna, Gasparri e con Ghedini nel ruolo di consigliere  - come interlocutori di Matteo Renzi quando arriverà il momento, da loro considerato inevitabile, di riprendere i rapporti.

Nomine rimandate - La strategia è questa, ma non è detto che metterla in pratica sia facile, soprattutto perché Berlusconi può "cambiare idea in ogni momento", puntualizza il Corsera, in un quadro politico in evoluzione. Oggi è suo interesse spostare su Verdini la responsabilità della sconfitta, allontanandola da sé, ma domani potrebbe tornargli utile l'uomo che, dice un ex ministro alla Di Caro, "resta ad oggi l'unico interlocutore riconosciuto da Renzi, che non ha interesse a legittimare noi nuove leve". E infatti nell'imminente non sembrano previste cacciate, né nuove nomine. Lo prova il fatto che il Cav non ha approfittato dell'offerta di dimissioni di Brunetta, al quale avrebbe replicato: "Non dobbiamo darla vinta a Fitto azzerando tutto".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nunzionacci

    06 Febbraio 2015 - 15:03

    i quarantenni elencati insieme agli altri ultra cinquantenni non sono gli stessi che esaltavano il patto del nazareno? quando fitto e altri mettevano in guardia il partito dal votare quella legge elettorale prima delle votazioni per il quirinale non erano loro a dire che fitto era un visionario? mi dispiace per forza italia che continuando a mandare in tv quel toti del niente continuerà a perdere

    Report

    Rispondi

  • alfa553

    05 Febbraio 2015 - 23:11

    Poi quel cattaneo, un perdente buffone,con l'aria del fesso di famiglia,ma fotogenico......vero califfo?

    Report

    Rispondi

  • MarioGuerrisi

    05 Febbraio 2015 - 12:12

    Un politico fine, come dice di essere Berlusconi, non avrebbe dovuto legarsi a filo doppio a un voltagabbana come Verdini. Non poteva farlo per mille ragioni. L'ex cavaliere se fosse stato davvero convinto, che il suo partito aveva l'obbligo di rappresentare principi liberali e laici del moderatismo italiano, non doveva circondarsi da persone che tutto pensavano, mai però, i sopraddetti ideali!

    Report

    Rispondi

  • tingen

    05 Febbraio 2015 - 12:12

    Verdini, Toti, Rossi, Cattaneo: azzerate questo cerchio magico, in Forza Italia ci vuole meritocrazia.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog