Cerca

proposta di legge

Forza Italia, il ddl sulle moschee: sermone in italiano e albo degli imam

Forza Italia, il ddl sulle moschee: sermone in italiano e albo degli imam

Forza Italia in prima linea contro la "proliferazione" delle moschee (illegali) in Italia. Una battaglia combattuta in primo luogo da Daniela Santanchè e Renato Brunetta, che spiegano come i luoghi di culto musulmani devono essere tenuti sotto controllo, soprattutto in un periodo come questo in cui l'allarme terrorismo non può essere minimamente sottovalutato. E così, per ridurre i pericoli derivanti dal legame tra le moschee e il terrorismo islamico, Forza Italia snocciola la sua personalissima ricetta. Gli azzurri propongono, in estrema sintesi, l'istituzione di un registro pubblico dei luoghi di culto e l'Albo nazionale degli imam. L'obiettivo quindi è quello di mettere in regola le centinaia di realtà non autorizzate e sparse in tutto il territorio italiano. Il disegno di legge, composto da 11 articoli, è stato presentato ieri, giovedì 23 aprile, per assicurare "sicurezza e trasparenza" e impedire il moltiplicarsi di luoghi di culto islamico che poi si trasformano in luoghi di culto "politico e religioso di natura eversiva", come nel celebre caso della moschea di viale Jenner a Milano, dove furono dimostrati i legami tra alcuni fedeli ed Al Qaeda.

I punti della proposta - La Santanchè e il capogruppo Brunetta, a Montecitorio, hanno presentato il provvedimento per dire "stop al Far West" delle moschee senza controllo. Il disegno di legge, come detto, prevede il registro pubblico delle moschee e un Albo degli imam a cui viene fatto obbligo di fare richiesta al ministro dell'Interno, corredando tra gli altri documenti anche la dichiarazione bancaria che comprova la consistenza del patrimonio mobiliare a disposizione del luogo di culto. La figura dell'imam e l'edificazione di luoghi di culto islamici sono infatti  i punti centrali del testo.  La proposta di legge impone che il sermone debba tenersi in italiano e non ci devono essere collegamenti di chi li frequenta con centri islamici estremisti. Anche l’imam non dovrà essere vicino ad ambienti estremisti e avere la cittadinanza italiana. Qualora uno di questi requisiti venisse a meno, l'autorizzazione verrà negata. Brunetta ha spiegato: "Le moschee sono state anche un luogo di aggregazione politico religiosa di natura eversiva rispetto al paese che le ospita. Le democrazie rispetto agli stati islamici sono generose ma non sono fesse. Chi vuole usare la democrazia per impedire la democrazia deve essere perseguito". Poi Daniela Santanchè ha aggiunto: "Noi spesso vediamo degli imam che da noi sono considerate star, mentre nei loro paesi sono dei delinquenti. Vengono da noi e si mettono a fare i predicatori d'odio. Questo non avverrà più". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • carlozani

    25 Aprile 2015 - 09:09

    La condanna beffa alla Santanchè non mi meraviglia più di tanto dal momento che la giustizia(si fa per dire)è amministrata da gente di sinistra che segue la linea di Renzi.I magistrati non sono più persone sagge ,imparziali al di sopra delle parti nell'emettere sentenze .Sono" m.."Ci vorrebbe qualcuno con le palle che in casi di scandalosi giudizi ,li licenziasse in tronco senza appello.

    Report

    Rispondi

  • Chry

    25 Aprile 2015 - 08:08

    Qualcuno spieghi al piccolo brunetta che il paese non 'ospita' le moschee, il diritto di culto è universale, come la diversità di religione, sono tutelate

    Report

    Rispondi

  • Maddalenamaria

    25 Aprile 2015 - 00:12

    A questi signori quanto si mettono col culo in aria per pregare sarei felice di mettergli un mortaletto nel culo e mandarlo dal suo halla quel dio che predicano col sorriso sulla bocca e insieme a loro tutte le moschee che hanno cambiato la facce alla nostra nazione. Noi siamo italiani e sopratutto cristiani non siamo venuti con i barconi i nostri Avi hanno pagato con le loro vite "questa Italia"

    Report

    Rispondi

  • Maddalenamaria

    25 Aprile 2015 - 00:12

    Io ho un altro pensiero per le moschee farle saltare tutti in aria insieme ai barbuti che sono venuti in Italia s dettare lr loro leggi e la loro religione e insieme a loro devono fare la stessa gine7 i giudici rossi che sono sempre dalla loro parte. E allucinante che si debbano dare dei soldi a questi fanatici che sono stati offesi. Spero che la Santanchè si faccia rispettare e lotti con forza.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog