Cerca

"Cittadini" contro i cittadini

I grillini tifano per le multe:
fanno saltare lo sconto del 20%

Il M5S boccia in commissione Trasporti la proposta di legge

I grillini tifano per le multe:
fanno saltare lo sconto del 20%

Non si vogliono fare chiamare parlamentari, ma solo «cittadini», perché sono dalla parte della gente comune, di «chi tira la carretta e non arriva a fine mese». Si sono presentati in campagna elettorale come gli anti-casta per eccellenza, quelli che capiscono i problemi degli italiani e non hanno tesoretti in cassaforte. Anzi, non hanno proprio la cassaforte. Eppure, poi, di fronte alla più banale delle scelte che fanno comodo ai cittadini, quelli veri, la favola del Movimento Cinquestelle che è dalla parte dei più deboli non regge più. Perché le multe si pagano per intero, ecco l’ultima trovata dei grillini. Semaforo rosso a chi prova a ridurre le sanzioni e cerca soluzioni alla crisi. 

La notizia è che in commissione Trasporti della Camera, ieri, era all’esame una proposta di legge ad hoc firmata da esponenti sia del Pd che del Pdl in cui si auspicava un taglio del 20 per cento delle multe stradali in caso di pagamento veloce, vale a dire entro 5 giorni dalla contestazione o dalla notifica del verbale. Per agevolare il pagamento, il ddl prevede anche la possibilità di saldare tramite Bancomat o carta di credito. In sintesi: l’automobilista multato se la cava con un ribasso del 20% se si affretta a versare il tributo. Altrimenti, come avviene tuttora, rischia di sborsare la somma per intero se non addirittura di trovarsi una maggiorazione con il passare dei mesi. E i grillini che fanno? Dicono no. «Niente sconti generalizzati». In pratica, multe salate per tutti, neanche fossimo Tafazzi.  

E dire che l’idea del Pd Michele Meta, presidente della commissione Trasporti, era stata sottoscritta da numerosi deputati del Pdl e perfino da uno di Sel, Stefano Quaranta. Il grillino Ivan Catalano, invece, ha alzato il ditino e ha sparato la sua: «Il M5S è in disaccordo con la riduzione indiscriminata dell’importo delle sanzioni». Anche il governo, per la verità, ha espresso qualche dubbio in merito al reperimento delle risorse. Il sottosegretario alle Infrastrutture Rocco Girlanda ha infatti annunciato che è necessario «acquisire le valutazioni dei ministeri dell’Interno, della Giustizia e dell’Economia». E per la prima volta, strano a dirsi, esecutivo e M5S si trovano d’accordo (sui soldi) contro i partiti che sostengono il governo Letta. Meta ha ribadito quale è la ratio del provvedimento: «Affiancare all’inasprimento delle sanzioni operato negli ultimi anni, un incentivo a comportamenti virtuosi, come, appunto, il pagamento della multa in tempi rapidi». Perché, aggiungono i firmatari del Pdl, «l’effetto dissuasivo di una sanzione deriva prima che dalla sua entità dalla sua certezza».   

Il deputato «cittadino» Catalano, invece, non ci sta. Secondo il M5S, alla fine, sarebbero solo i più abbienti a potere sborsare subito, non i poveracci. Ma la domanda è: non è meglio per tutti godere di una riduzione sull’importo dovuto? Per Meta la risposta è sì. «Meno 20% sulle multe significa risparmi per le famiglie, introiti certi per i Comuni. Chi si oppone non sa fare i conti», ha twittato. Ma i grillini rimangono della loro opinione e, del resto, basta andarsi a rivedere i post sul sito M5S in cui già mesi fa si proponevano le multe in base al reddito, come per l’Imu. «È ingiusto che un operaio che campa con mille euro al mese debba pagare per una multa 100 euro (1/10 del suo stipendio), esattamente lo stesso importo che spetterebbe pagare a un dirigente che guadagna 5mila euro al mese!», scriveva un militante. «Bisogna creare una lista di infrazioni e stabilire, a seconda della gravità o meno di esse, la percentuale di reddito che dovrà esser utilizzata per il pagamento della multa». 

Forse, però, qualcuno dovrebbe spiegargli che il codice della strada è uguale per tutti e non cambia a seconda del conto in banca.

di Brunella Bolloli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Angeli1951

    13 Giugno 2013 - 18:06

    Indovinate a chi mi riferisco: dal sito beppegrillo.it: ""Si scrive Imu prima casa, si legge ennesima fregatura del governo-inciucio a famiglie e aziende. Ricordate le promesse elettorali che hanno fruttato voti e consensi, che sbandieravano "Via l'IMU"? Eccole prontamente disattese. Non solo si sono ben guardati dall'abolire l'IMU prima casa, ma oggi la Commissione Finanze alla Camera ha bocciato tutte le proposte emendative del MoVimento 5 Stelle sul decreto legge 54, quello che sospende l'IMU per l’abitazione principale. Si trattava di modifiche pensate per gli artigiani e le PMI. E con tanto di copertura finanziaria ........."

    Report

    Rispondi

  • massimo1954

    13 Giugno 2013 - 17:05

    Una volta tanto,sono d'accordo con i "Grillini".Le multe si devono pagare senza sconti entro un dato termine dopo di che,scatterà la sanzione (anche per gli stranieri che oggi,la fanno franca).Pagare subito con lo sconto,mi pare come una proposta di molti anni addietro per combatterel'assenteismo degli "statali".Invece di multare chi entrava in ritardo,si dava un "bonus" a chi entrava in orario:come dire"non rubi,allora ti premio".Siamo un paese di m...a

    Report

    Rispondi

  • futuro libero

    13 Giugno 2013 - 13:01

    non avevano capito bene il senso della richiesta.

    Report

    Rispondi

  • samuel80

    13 Giugno 2013 - 11:11

    hanno perfettamente ragione. E per come la vedo io poi, che non ho mai preso una multa in 45 anni di guida, le sanzioni andrebbero decuplicate. Ma è mai possibile che si debba mercanteggiare anche sul minimo rispetto delle regole? E poi ci stupiamo se ci definiscono dei pulcinella.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog