Cerca

Record negativo

La Camera dei fannulloni:
tre leggi in tre mesi

L'Aula gode di qualche attenuante (il pre-incarico a Bersani e l'elezione del presidente della Repubblica hanno allungato i tempi). Ma il bottino è scarno

La Camera dei fannulloni:
tre leggi in tre mesi

Quattro in tre mesi. Questo lo sconfortante totale messo a segno dal Parlamento. Nel dettaglio si tratta di una mozione di fiducia al governo, di una proposta di legge di iniziativa parlamentare e due conversioni di decreti legge. Per quel che riguarda i disegni di iniziativa governativa siamo ancorati a zero. E' decisamente magro il bollettino ufficiale del lavoro svolto dai 630 onorevoli in quasi tre mesi di attività, un bollettino reperibile sul sito della Camera dei deputati. Un bottino magrissimo a fronte di trenta ore di seduta dell'Assemblea. In totale, l'aula di Montecitorio è stata impegnata per 108 ore e 55 minuti di seduta, soltanto 28 ore e 38 minuti dedicati all'attività legislativa vera e propria (di cui 15 ore e 24 mintui per le discussioni generali e 13 ore per l'esame degli articoli e il voto finale). Tutto il resto del tempo è volato via tra sedute per attività di indirizzo e controllo (44 ore e 48 minuti) e per altre attività di esame (per un totale di 35 ore e 29 minuti).

Camera deserta - Il conto dell'attività parlamentare è presto fatto. Tra i "colpi" messi a segno, il decreto sulla sospensione dell'Imu, il rifinanziamento degli ammortizzatori sociali, il pagamento dei debiti scaduti della Pubblica amministrazione e il decreto salute. Ci sono poi due higlights che, c'è da scommetterci, saranno sfuggiti ai più; la ratifica dell'imprescindibile accordo tra Italia e Lituania e quello tra Italia e San Marino, fresco fresco, approvato lo scorso 11 giugno. Non che nelle precedenti legislature il passo fosse stato molto più spedito, ma queste cifre, nei giorni bollenti dell'anti-politica che infiamma gli animi del popolino, sono destinate a fare un certo effetto. Come ha fatto un certo effetto - negativo, inutile sottolinearlo - il fatto che nel giorno in cui Montecitorio era chiamato a commemorare la morte del capitano Giuseppe La Rosa, ucciso in Afghanistan, il ministro della Difesa, Mario Mauro, fu costretto ad esprimere tutta la sua "profonda amarezza". Perché? Semplice, perché la Camera era deserta. Situazione analoga si presentò il 27 maggio, quando l'aula era semi-deserta nel momento della ratifica della Convenzione di Istanbul contro il femminicidio.

Le attenutanti - Certo, questo Parlamento gode anche di qualche attenuante. Le Camere si sono insediate il 15 marzo, e subito dopo la proclamazione degli eletti e la costituzione dei gruppi ci fu un lungo stallo dovuto prima alle consultazioni e al fallimentare pre-incarico concesso da Giorgio Napolitano a Pier Luigi Bersani (era il 20 marzo), poi alla drammatica elezione del Capo dello Stato (il rebus fu risolto con la rielezione di Napolitano - e il crollo del Pd - soltanto il 18 aprile). Si è poi insediato il governo Letta, è stata votata la fiducia (29-30 marzo) e di fatto il Parlamento avrebbe dovuto iniziare a lavorare in un giorno di vacanza, il primo maggio. Dalla festa del Lavoro sono passati un mese e 15 giorni, ai quali vanno sottratti i sette sabati e le sette domeniche, nonché i venerdì, perché la Camera - eccezion fatta per i giornalisti - nell'ultimo giorno della settimana è, da sempre, deserta. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • highlander5649

    18 Giugno 2013 - 13:01

    sono riusciti nella TITANICA IMPRESA DI approvare tre leggi han dovuto sudare sette camicie con tuti i problemi che si sono sovrapposti.manca una legge IMPORTANTISSIMA CHE REGOLA LE NOZZE GAY quyella sì che è il TOCCASANA per l'economia pensa a quante bomboniere vengono prodotte! per non parlare di pasti consumati. bottiglie scolate.fedi d'oro!!. unn buon 20% del pil in più. per la gioia della idem e del sig. vendola che non vede l'ora DI CONSUMARE LE SUE NOZZE in modo finalmente ufficiale.

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    18 Giugno 2013 - 12:12

    le agognate ferie sono vicine. Maledetti!

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    18 Giugno 2013 - 11:11

    Un colpo di fortuna : peggio sarebbe stato se ne avessero fatte 4 .

    Report

    Rispondi

  • encol

    18 Giugno 2013 - 07:07

    o se si preferisce la LOTTERIA è stata vinta dagli indecenti storici. Una banda di incapaci dei quali, gli ultimi della serie, hanno letteralmente distrutto l'economia di una nazione, ridotto in miseria Mln. di cittadini, favorito suicidi e, ciò non ostante, hanno goduto di super compensi, vergognosamente rubati al popolo. Una banda di incapaci NON voluta NON eletta ma imposta. Ora siamo alle prese con un'altra banda pressochè simile alla precedente in materia di capacità di governo. POVERA ITALIA!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog