Cerca

Armamento in tempo di pace

Il Consiglio della Difesa spinge sugli F35
"Decide il governo non il Parlamento"

Un F35

Un F35

Esiste una legge, datata dicembre 2012, che dà al Parlamento l'ultima parola sull'acquisto delle armi eppure sugli F35 decide il governo. Punto e basta. Il Parlamento, da parte sua, non può apporre alcun veto, può solo condurre indagini conoscitive, eventualmente. Con un comunicato diffuso dal Quirinale si chiude così il dibattito iniziato alla Camera sul capitolo di spesa riguardante i cacciabombardieri sollevata da Sel e M5S, ma che aveva trovato parecchi sostenitori anche nel Pd. Dalla riunione del Consiglio supremo di Difesa, che si è riunito oggi sotto la presidenza di Giorgio Napolitano viene dunque presa una posizione chiara sui programmi di ammodernamento delle Forze Armate, tra i quali spicca la vicenda degli F35. Il ruolo delle Forze Armate, che tiene a sottolineare il Consiglio, resta "insostituibile". Ma proprio per questa loro centralità, anche in relazione agli scenari di crisi e alle missioni internazionali, l'ammodernamento delle Forze Armate e degli strumenti di difesa deve essere "adeguato" ai tempi ed al contesto internazionale, guardando alla necessaria evoluzione tecnologica. In sostanza, il modello di Forze Armate non può essere disegnato in astratto ma deve essere calato sulle esigenze concrete che riguardano anche la sicurezza del Paese.

A parere del Consiglio Supremo (al quale hanno partecipato il premier Enrico Letta, il ministro degli Esteri Emma Bonino, il ministro dell'Interno Angelino Alfano, il ministro dell'Economia e delle Finanze Fabrizio Saccomanni, il ministro della Difesa Mario Mauro, il ministro dello Sviluppo economico Flavio Zanonato), la facoltà del Parlamento di condurre indagini conoscitive (ed eventualmente sindacare sui programmi di ammodernamento delle forze armate) “non può tradursi in un diritto di veto su decisioni operative e provvedimenti tecnici che, per loro natura, rientrano tra le responsabilità costituzionali dell'esecutivo”. Una frase questa che risponde in maniera netta alla mozione approvata lo scorso 26 giugno, che impegnava il governo a non procedere a "nuove acquisizioni" nell'ambito del programma di acquisto dei caccia americani senza che i deputati e senatori si fossero espresso dopo un'indagine conoscitiva di sei mesi. Ma i Consiglio della Difesa non ci sta: nel "rapporto fiduciario" tra Parlamento e Forze armate, "che non può che essere fondato sul riconoscimento dei rispettivi distinti ruoli", la "facoltà del Parlamento" di "eventuale sindacato delle Commissioni Difesa sui programmi di ammodernamento delle Forze Armate, non può tradursi in un diritto di veto su decisioni operative e provvedimenti tecnici che, per loro natura, rientrano tra le responsabilità costituzionali dell'Esecutivo". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sfeno

    04 Luglio 2013 - 12:12

    MA VA A MORI AMMAZZATOOOOOOOOO

    Report

    Rispondi

  • brontolo1

    03 Luglio 2013 - 22:10

    perchè non si è fatto,(e non si farà mai)un referendum sull'adesione alla UE(come ha fatto pure la croazia,novella di democrazia)?perchè la costituzione delega la politica estera al governo!

    Report

    Rispondi

  • brontolo1

    03 Luglio 2013 - 22:10

    come fai a credere(dal 1848!)alle balle dei comunisti? il caccia F 35 portano lavoro!i clandestini della sinistra portano spese a perdere!

    Report

    Rispondi

  • primus

    03 Luglio 2013 - 20:08

    Credo che Berlusconi e pure il pd, visto che la decisione per l'acquisto è stata anche loro, siano più che sodisfatti per questa puntualizzazione di Napolitano, ehehehehehe Quelli che si lamentano sono i cialtroni sfascisti che non hanno mai capito un c...o di come gira il mondo, un bel calcio in culo senza vaselina e tanti auguri !!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog