Cerca

La linea dura

Santanché: "Berlusconi andrà in carcere"

La Santanchè conferma quanto scritto da Belpietro il 28 luglio: "Né domiciliari, né servizi, né messa in prova. Ora mettano in cella un uomo come lui"

Silvio Berlusconi

Il Cav in cella: visto da Benny

Lo aveva già scritto il direttore di Libero, Maurizio Belpietro, sul quotidiano di domenica 28 luglio. Belpietro riportava un colloquio con Silvio Berlusconi, che a pochi giorni dalla sentenza della Cassazione nel processo Mediaset spiegava: "Se mi condannano voglio andare in cella". Un "indiscreto" che aveva infastidito i legali del Cav, Franco Coppi in particolare: la richiesta, alla vigilia della pronuncia delle toghe, era quella di mantenere il silenzio assoluto.

La conferma - Ora la sentenza è già storia, tutti sanno come è andata: Berlusconi condannato a quattro anni di galera. Nessuno sconto. Dovrà essere rimodulata l'interdizione dai pubblici uffici: l'ex premier verrà condannato anche all'esilio politico per un periodo che varia da uno a tre anni. E ora che la sentenza è già storia, una conferma a quell'indiscrezione riportata da Belpietro arriva anche da Daniela Santanchè: "Berlusconi non chiederà né gli arresti domiciliari, né la messa in prova, né l'affidamento ai servizi sociali".

Protesta estrema - La pitonessa non ha dubbi: "Berlusconi va in carcere. Gli italiani devono sapere che si mette in carcere un uomo come Silvio Berlusconi". E in effetti, nonostante l'età del Cav, la possibilità c'è, come ha ricordato Marco Travaglio poche ore fa, gongolando sulla prima pagina del Fatto Quotidiano. Il Pdl, insomma, sfida le toghe, la giustizia e anche Giorgio Napolitano: il Cav, dopo una condanna che ritiene ingiusta, vuole andare in carcere. Una forma di protesta estrema e dalle conseguenze inimmaginabili.

Grazia e Colle - La Santanchè, uscendo da palazzo Grazioli al termine del vertice del Pdl che ha seguito l'incontro dei capigruppo con Napolitano, conversando coi cronisti ha aggiunto: "Al Colle non abbiamo chiesto nulla. Non siamo abituati a chiedere ma a dare. E voi parlate con una persona che fa un po' fatica a mettere insieme due parole: grazia e Berlusconi". A chi domandava se i capigruppo azzurri avessero chiesto un salvacondotto al Capo dello Stato, la pitonessa ha risposto: "Io sono più per il ripristino della democrazia".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • manuelebonbon

    07 Agosto 2013 - 09:09

    benissimo! e speriamo ci resti per un bel po'

    Report

    Rispondi

  • guidoboc

    07 Agosto 2013 - 00:12

    Leggi Travaglio per caso? Il giornaletto merdoso.

    Report

    Rispondi

  • Chry

    06 Agosto 2013 - 13:01

    lo arrestano e basta.

    Report

    Rispondi

  • marino43

    06 Agosto 2013 - 12:12

    Quello che lei correttamente cita è solo l'ultimo di una lunga serie di argomentazioni che chiuderebbero la bocca a moltissimi. Ma ahimè, vedrà che nessuno dei citati insultatori professionisti mai le risponderà.Fatta questa doverosa precisazione insisto nel dire che il LADRO(è bene ricordarlo sempre da oggi in poi!) non andrà mai in galera ed è un bene per la comunità che dovrebbe anche mantenerlo in carcere.Mi auguro che il "Colle" non si permetta di fare un salvacondotto per evitargli una delle due possibilità che LA LEGGE gli consente.Chi parla di carcere è solo un ignorante in materia e vuole solo alzare i toni.Aspettiamo settembre/ottobre per vedere le decisioni che, come da LEGE, spettano solo a all'innominabile.Godiamoci inanto questo periodo in cui lui almeno non sorride a 84 denti e fa finta di piangere come ha fatto in ginicchio davanti a Mammì.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog