Cerca

Parola di profeta

Roubini: "Berlusconi sta rompendo il patto di Napolitano e Merkel"

L'economista americano: "C'era un'intesa per non creare sconvolgimenti politici prima delle elezioni tedesche. Se cade Letta, spread a 300 in pochi giorni"

Roubini: "Berlusconi sta rompendo il patto di Napolitano e Merkel"

Le future mosse di Silvio Berlusconi rischiano di mandare gambe all'aria non solo i conti di Mediaset (un'avvisaglia già la si sta avendo a Piazza Affari), ma anche quelli dell'Italia. E provocare un terremoto politico in Europa. Parola del profeta della finanza internazionale, l'economista americano Nouriel Roubini. In un'intervista a Repubblica, il guru che previde prima di tutti il collasso dei mutui subprime e la successiva crisi mondiale si lascia andare a giudizi catastrofici sulla possibile rottura tra Cavaliere e premier Enrico Letta: "Se non si trova una soluzione, lo spread (oggi, lunedì 26 agosto, intorno ai 250, ndr) risalirà entro pochissimi giorni a quota 300, il buon momento del mercato azionario italiano si interromperà, i titoli bancari saranno particolarmente penalizzati e i costi del credito torneranno ancora una volta a salire. Quanto più le elezioni sono prossime, tanto maggiore è il danno per i Btp". Roubini poi svela il "patto non ufficiale" sottostricco tra Italia e leader europei, Angela Merkel in testa: "Si sta rompendo a causa di Berlusconi il gentlemen agreement che doveva evitare qualsiasi sconvolgimento politico prima delle elezioni tedesche. Viviamo in una fase di volatilità controllata. Ma se la situazione si avvita, come ormai sembra tutt'altro che impossibile, le conseguenze potrebbero essere molto pesanti per l'Italia". Se Roubini guarda con diffidenza alle strategie del leader del Pdl, è viceversa positivo riguardo l'operato del premier: "Enrico Letta, una persona seria e rispettata da tutti sul piano internazionale, sta con il suo governo facendo molte cose buone". Come nel novembre 2011 e, in maniera simile, nell'aprile di quest'anno, non resta che sperare, suggerisce l'economista cresciuto in Italia fino ai 25 anni, nell'intervento del Quirinale. "Vedremo se Napolitano riuscirà ad evitare le elezioni prima della Finanziaria. Il nostro scenario più probabile è che si voti all'inizio del 2014 ma non escludiamo un'accelerazione. I mercati stanno facendo un ragionamento simile".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • futuro libero

    27 Agosto 2013 - 11:11

    ma dimentichi che i sinistronzi sono abituati a ricattare e ricattano il popolino che ha paura e crede che tutto quello che dicono è la sola verità.Ma io dico se diamo così problemi alla merkel all'Europa e anche all'America rossa ma molliamoli,meglio da soli che male accompagnati.Ma chi vuole stare in questa Europa tedesca filo staliniana?Ci sono tanti piccoli stati che non sono in Europa e vivono benissimo.Gli italiani sono un popolo sano ricco di lavoratori e non tarderebbe a rimettersi in carreggiata,si potrebbero benissimo tagliare le spese dello stato cominciando con l'eliminazione del Quirinale il più caro dl mondo,le tasse si potrebbero tranquillamente diminuire specialmente per le aziende che potrebbero così vendere i propri prodotti a prezzi competitivi nel mondo.Ma questo l'Europa non lo vuole,i sinistronzi riescono a capire il perchè?VIA DALL'EURO E VIA DALL'EUROPA E' LA NOSTRA SOLA SALVEZZA,PERSINO GRILLO LO HA CAPITO

    Report

    Rispondi

  • Garrotato

    27 Agosto 2013 - 09:09

    Il ricatto economico funziona sempre, fra la gente che tutti i giorni deve fare i conti col carovita, le bollette, i mutui. Fino a che questa gente non si accorge che ha oltrepassato il punto di non-ritorno. Sapete. in aviazione e in marina è il punto in cui non si ha più carburante per ritornare alla base: o arrivi a destinazione, o è finita del tutto. In Italia ci siamo molto prossimi, al punto di non-ritorno: e quando la gente ne ha preso atto...

    Report

    Rispondi

  • Zawol

    27 Agosto 2013 - 07:07

    mi ricorda l'Asse. Prima crolla meglio è.

    Report

    Rispondi

  • Tobyyy

    27 Agosto 2013 - 03:03

    Nel titolo del presente articolo ho letto che Berlusconi sta rompendo il patto di Napolitano e Merkel.....e Napolitano e Merkel, stanno rompendo i coglioni agli Italiani liberi e liberali, per cui il compagno Napolitano, deve essere immediatamente arrestato e processato per alto tradimento....! Ma come, durante la seconda guerra mondiale i comunisti assassinavano alle spalle i Tedeschi, ed ora sono culo e camicia......? Pensa un pò te cosa tocca ricordare.....!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog