Cerca

Dagli al Presidente

Becchi sul blog di Grillo: "Impeachment per Napolitano, amnistia salva Berlusconi"

L'ideologo grillino chiede la testa di re Giorgio: "E' fazioso, vuole salvare Silvio ed è sempre contro di noi"

Becchi sul blog di Grillo: "Impeachment per Napolitano, amnistia salva Berlusconi"

Giorgio Napolitano

La testa del presidente della Repubblica. La chiede Paolo Becchi dalla casa madre del M5s (il blog www.beppegrillo.it), dettando l'agenda a tutti i pentastellati. Il professore, agit-prop di punta del duo Grillo&Casaleggio, punta il dito contro Giorgio Napolitano per il suo spronare il Parlamento verso i provvedimenti di indulto e amnistia. "Nessuno mette in dubbio che la «condizione delle carceri» in questo Paese sia degradante - scrive Becchi -. Pure, è innegabile che l’effetto politico dei provvedimenti auspicati non sarebbe che uno: salvare il Caimano". E tanto basta all'ideologo a 5 stelle per invocare l'impeachment del Capo dello Stato, previsto nei casi di attentato alla Costituzione e alto tradimento.

Il garante della Costituzione - Malgrado da giorni esponenti dell'esecutivo (ultima il ministro della Giustizia Anna Maria Cancellieri) e lo stesso Napolitano abbiano escluso che Silvio Berlusconi possa trarre beneficio da eventuali misure di indulto e amnistia, Becchi non ha dubbi. Basta il sospetto che l'emergenza carceri sia un pretesto per favorire il Cavaliere, per pretendere un passo indietro del titolare del Quirinale. Anche a costo di dilazionare i tempi del ritorno alle urne: "Costringere Napolitano alle dimissioni – spiega Becchi – rappresenterebbe un atto politico fondamentale: significherebbe la sconfitta delle larghe intese PDL – PD-L". Ma l'attrito tra il Capo dello Stato e il Movimento 5 stelle è più vecchio delle polemiche di questi giorni, e il professore grillino non nasconde che verso Napolitano c'è un'ostilità più profonda: "Il capo dello Stato è fazioso - argomenta Becchi - e attacca una parte politica tradendo l'imparzialità della sua carica". Tornano, insomma, ostilità vecchie di anni, partite dal "sarcasmo inopportuno della celebre battuta del boom", spiega ancora Secchi, ai tempi delle amministrative del 2012.

Serrate i ranghi - Tanto ostile verso Napolitano, quanto distensivo verso i suoi. Il messaggio di Becchi viene 24 ore dopo la spaccatura nel Movimento sull'emendamento sul reato di clandestinità, quando Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio hanno sconfessato i propri senatori, e una riunione fiume tra tutti i parlamentari a 5 stelle si è conclusa con una linea (momentaneamente) oltranzista contro l'invadenza dei due leader nelle attività istituzionali. Additare Napolitano oggi, consolidato nemico nell'immaginario grillino, serve a ricompattare le truppe dopo le lacerazioni di ieri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bruno osti

    12 Ottobre 2013 - 11:11

    siamo in mano ad un partito del 25%, che voleva spaccare il c...o ai passeri, che non produce una cippa di niente, unicamente impegnato a discutere di scontrini. Il 9oenne non ha alcun potere legislativo, amministrativo, decisionale; lui ha solo un potere esortativo e notarile, niente di più: non diciamo delle m...te.

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    12 Ottobre 2013 - 11:11

    Napolitano fa solo delle esortazioni, chiede di prendere decisioni, non fa leggi. Il Paese si amministra con leggi e decreti e Napolitano non fa né gli uni né le altre. Tant'è che tutte le sue raccomandazioni, fatte nell'arco di otto anni, non hanno avuto nessun seguito pratico. Tonto di un ignorante maldestro

    Report

    Rispondi

  • fossog

    11 Ottobre 2013 - 18:06

    ha salvato solo Pd e Pdl che sono i due CANCRI che, sotto vari nomi, ci hanno distrutti per 30 anni. E fà il dittatore alla bestiale maniera prepotente dei comunisti, o dei cattolici, che SI CREDONO MIGLIORI DEL POPOLO e pretenddono di educarci a modo loro. Vattene in pensione, passa un pò di tempo Fuori dai c....zi nostri.

    Report

    Rispondi

  • Napolionesta

    11 Ottobre 2013 - 17:05

    una volta Grillo ha ragione, siamo in mano a un 90 enne e per di piu`comunista,povera Italia.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog