Cerca

Rassegnatevi

Mediaset, flop della guerra dei 20 anni

Mediaset, flop della guerra dei 20 anni

La docu-fiction La guerra dei vent'anni, andata in onda ieri sera su Canale 5, centrata sul processo Ruby è stata seguita da 1 milione e 425mila spettarori, pari ad uno share del 5,88%. Un flop di proporzioni storiche per Mediaset, la cui rete ammiraglia è abituata a ben altri numeri, diciamo attorno al 25%. Ma qual è il motivo di una debacle di tali dimensioni? 

Meglio NCIS - Per i giornali e i commentatori di sinistra, gli italiani non hanno guardato la trasmissione perché convinti della colpevolezza del Cav. Ergo, non hanno bisogno di altre prove. Strano, però, perché qualche motivo per guardarla c'era: per curiosità, per sbaglio, o anche solo per poter smentire la ricostruzione. Invece niente, a rimanere incollati per due ore davanti alla tv per seguire il processo Ruby sono stati quattro gatti lobotomizzati. I telespettatori hanno addirittura preferito l'ennesimo episodio di NCIS su Rai Due (9,74%). 

E se agli italiani non frega niente - Dai commenti sui social di ieri sera la docufiction pareva il programma più seguito di tutti i tempi: basta solo dare un'occhiata, per farsi un'idea, alla slavina d'insulti che ha inondato l'account twitter del giornalista Andrea Pamparana. Ma non è che del processo Ruby e dei teoremi della Boccassini agli italiani non frega niente? E questo nonostante la campagna stampa di Repubblica, Il Fatto, Servizio pubblico e compagnia cantante? Non è che agli italiani di quello che il Cav fa tra le mura domestiche non frega più di tanto? A guardare i numeri, il dubbio sorge. E magari, per ironia della sorte, gli unici a guardare la docu-fiction sono stati proprio i 'guardoni' de sinistra? O commentano senza nemmeno sapere di cosa parlano? 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pepo

    14 Maggio 2013 - 08:08

    che a difenderlo siano coloro che lavorano per lui e a fine mese prendono soldi,capisco chi ha fatto eleggere si impegni per non trovarsi a casa ma voi cittadini trovate uno scatto di dignita', non date ragione a Mussolini che disse" Come non si puo' comandare in un paese di servi?"

    Report

    Rispondi

  • oenne

    13 Maggio 2013 - 21:09

    conosco la storia di qualquno che si tinge di blu nato da una serva che lavorava con dubita morale in una casa di un noto conosciuto e rinomato personaggio importante ...costui "l innominato " non ha mai voluto riconoscere la prole _.. poiché non era figlio suo ... morale della triste storia .... questo ""azzurro"" . odia a morte tutte le persone ricche che ""assomigliano "" o gli ricordano l""innominato""....naturalmente lo avete tutti notato la paranoia ossessiva e volgare che usa contro i ricchi tra quali SB_ gli consiglierei non un psicologo ma un psichiatra dal quale attendiamo seri provedimenti

    Report

    Rispondi

  • boris49

    13 Maggio 2013 - 20:08

    Il tuo post si commenta da solo ed è significativo del tuo profilo da lobotomizzato. La Gabanelli non guarda dal buco della serratura ma fa indagini documentate che certamente danno fastidio ai bananas come te.

    Report

    Rispondi

  • Davylife

    13 Maggio 2013 - 18:06

    Non amiamo spiare dal buco della serratura. ... queste cose lasciamole a Santoro e Gabanelli

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog