Cerca

lettere al direttore

News da Radio 105

ascolta ora

Radio 105

Calcio e politica

Balotelli al Milan fino al 2017

Accordo siglato: al City 20 milioni di euro più bonus. Supermario si riduce l'ingaggio. E Silvio gode: il Pd sempre più vicino

Mario Balotelli e Silvio Berlusconi

Mario Balotelli e Silvio Berlusconi

Fine della telenovela. Il sogno rossonero si avvera. Ora è ufficiale: Mario Balotelli è un giocatore del Milan. L'annuncio lo ha dato Milan Channel, che ha riferito che domani, mercoledì 30 gennaio, Supermario sosterrà le visite mediche a Milano e firmerà il contratto che lo legherà ai rossoneri fino al 30 giugno 2017. I dettagli economici dell'operazione non sono ancora noti, ma il Manchester City avrebbe accettato l'offerta milanista di 20 milioni "spalmati" in più rate, pur di liberarsi di un contratto onerosissimo e di un giocatore che, dopo la lite del 3 gennaio scorso, non poteva più essere tenuto in rosa da Roberto Mancini. Da parte sua, Balotelli sbarca in una piazza e in una città che già conosce e nella squadra per la quale batte il suo cuore di tifoso: se non farà tanto (in termini di gol) e bene (inteso come rapporti coi compagni, il tecnico e la società) in maglia rossonera, dopo le occasioni sprecate con l'Inter e il City, è presumibile che non farà bene da nessun altra parte.

Due punti percentuali - L'acquisto di Balotelli, però, ha anche pesanti risvolti elettorali. Supermario arriva al Milan di Silvio Berlusconi a meno di due settimane dalle elezioni politiche, e secondo i sondaggisti l'acquisto di un "pezzo da novanta" vale per il Cavaliere due punti percentuali. Se le stime venissero confermate, si ridurrebbe ulteriormente il distacco tra il Pdl e il Pd. Il Partito Democratico di Pier Luigi Bersani, fiaccato dallo scandalo dei derivati del Monte dei Paschi di Siena, per la prima volta viene dato sotto il 30 per cento. Gli azzurri, al contrario, vengono dati in continua ascesa, ora sopra il 30 per cento. Per quel che concerne le coalizioni, facendo una media dei diversi sondaggi risulta che il centrodestra sia staccato di 8 punti percentuali dal centrosinistra. Un distacco che, con la mossa Balotelli, potrebbe ridursi fino al 6 per cento. La mossa-Balo, infine, può risultare decisiva in Lombardia, dove il Pdl veniva sì dato in vantaggio, ma di un solo punto percentuale. Veneto e Sicilia dovrebbero andare agli azzurri, e se alle due Regioni si aggiungesse la Lombardia, il Pdl farebbe suo il Senato.

Le cifre dell'accordo - Tornando all'acquisto di Balotelli, la cifra dell’accordo tra Milan e Manchester City, come detto, sarebbe vicina ai 20 milioni di euro più bonus, e al calciatore, che si è ridotto l’ingaggio pur di tornare in Italia e abbandonare Manchester, andrebbero 4 milioni circa netti a stagione. Dopo le visite mediche, ci sarà la firma del contratto e Balotelli diventerà a tutti gli effetti un calciatore del Milan, con l’allenatore rossonero Massimiliano Allegri che potrebbe già utilizzarlo domenica per il match in programma nel posticipo contro l’Udinese. Si chiude così, dopo tre stagioni con 76 presenze totali e 30 reti l’avventura dell’ex interista al Manchester City di Roberto Mancini, che lo aveva fatto esordire in serie A con la maglia nerazzurra nella stagione 2007-2008.

La parentesi al City - Nella sua permanenza con i citizens, Supermario ha vinto una Premier League, una Coppa d’Inghilterra e una Community Shield dopo che con l’Inter aveva vinto tutto essendo tra i protagonisti di quella squadra (allenata da Mourinho) che aveva centrato il triplete nel 2009-2010. La sua permanenza al City non è stata priva di problemi e di situazioni che lo hanno "trascinato" nelle prime pagine dei tabloid inglesi. L’ultima è successa qualche settimana fa. Entrata dura in allenamento su Sinclair, Roberto Mancini gli ordina di scusarsi col compagno ma SuperMario dice no e i due quasi arrivano alle mani. Inevitabile che quanto accaduto al centro di Carrington finisca in prima pagina su tutti i principali siti inglesi ma con Balotelli non è una novità. Dal suo arrivo al Manchester City nell’estate 2010 il 22enne attaccante italiano non ha faticato troppo nel far parlare di sè per questioni extracalcistiche.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ciannosecco

    31 January 2013 - 15:03

    Puà darsi,ma prima dovete fare fuori quel fallito che avete in panchina,sai quello che si prende 60 goal a stagione e fa divertire i coglioni come te.Non essendo milanista,difficilmente potrei scendere in campo con Balotelli,ma questo non vuol dire che,nella fase di riscaldamento non possa prenderti a calci nel culo,fino alla Tribuna Monte Mario.

    Rispondi

  • soleados

    30 January 2013 - 19:07

    21 Postato da peterbonard solo degli imbecilli possono aumentare il consenso a chi compra un calciatore.... Io li chiamo SOLITI IDIOTI questi che votano ancora priapone. E come chiamarli se non cosi? Come si puo' chiamare quello che ancora crede alle promesse di questo saltimbanco?

    Rispondi

  • locatelli

    30 January 2013 - 18:06

    spero di no ma prendendo ballottelli io penso che perderemo le elezioni

    Rispondi

  • LapuLapu

    30 January 2013 - 18:06

    2% di voti per Balotelli. Solo la disperazione fa scrivere queste cavolate! Mancano 25 gg. ed hanno capito che la coalizione di centro sx è irraggiungibile e poi c'è Grillo. Bersani primo ministro.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Shopping

blog

Tommaso Labranca
Luoghi comuni per gente comune

Forza Chiara!

di Tommaso Labranca