Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

PiazzaPulita, Vittorio Feltri contro Corrado Formigli: "Sparava addosso a Salvini: ufficio stampa della sinistra più bieca"

  • a
  • a
  • a

Più che un'intervista è sembrata un assedio. E lo è sembrato a molti. Si parla della puntata di PiazzaPulita di giovedì 26 marzo, del ritorno di Matteo Salvini dopo oltre tre anni e del confronto in videochiamata con uno scatenato Corrado Formigli, conduttore che non ha mai nascosto il suo astio nei confronti del leader della Lega (ampiamente ricambiato). Non domande, ma accuse. Nemmeno il tempo di rispondere, o provarci, e pioveva una nuova accusa. A Salvini venivano rinfacciati "peccati" sul coronavirus commessi, per esempio, anche da un Giuseppe Conte, ma Formigli il premier non lo citava mai. Fazioso. Faziosissimo. E lo stesso leader del Carroccio, al termine della puntata, lo ha detto chiaro e tondo su Twitter: "Ma quanto sono faziose certe trasmissioni? Fra un po’ la colpa del virus sarà mia, della Lega e dei sovranisti, e la sanità lombarda (fra le migliori al mondo) è un disastro. Santa pazienza. Torno a lavorare coi Sindaci, vi voglio bene!", ha cinguettato. E ora, ecco piovere anche il durissimo tweet di Vittorio Feltri, il direttore di Libero che nutre più di un dubbio sull'intervista di poche ore fa: "Formigli invece di intervistare Salvini gli spara addosso senza dargli la possibilità di rispondere - ha premesso il diretore di Libero -. Metodo democratico in uso a La7, ufficio stampa della sinistra più bieca", conclude Vittorio Feltri.

Dai blog