Cerca

Accordo di Malta addio

Immigrazione, piroetta di Angela Merkel sul patto di Malta: "Niente ridistribuzione se il numero aumenta"

8 Ottobre 2019

4
Angela Merkel

L'accordo di Malta sulla ridistribuzione dei migranti che sbarcano nel nostro Paese rischia già di saltare. A prendere le distanze è la Germania di Angela Merkel. "Dobbiamo proteggerci, per prevenire il pull factor, il fattore di attrazione. Abbiamo detto che, se questa soluzione viene abusata e le centinaia (di richiedenti asilo, ndr) diventano migliaia, allora posso annunciare domani che il meccanismo di emergenza si ferma".

A dichiararlo pubblicamente è il ministro degli interni tedesco Horst Seehofer. All'arrivo al Consiglio Affari Interni a Lussemburgo ha subito riconosciuto le fragilità dell'accordo di Malta. "Fin dall'inizio era chiaro che non ci saranno decisioni oggi" al riguardo, ha aggiunto. "Solo uno scambio di opinioni e un test per vedere quale supporto ha l'accordo", ha precisato.

Di certo per il nostro Paese non si mette bene. Il governo giallo-rosso che ha esultato per questo accordo sugli immigrati auto-celebrandosi per il successo di una linea morbida, opposta a quella di Matteo Salvini, ora rischia di ritrovarsi con una quantità di migranti che nessuno in Europa vorrà accollarsi. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dagoleo

    10 Ottobre 2019 - 11:11

    ma perchè avevate forse dei dubbi che non sarebbe finita così?

    Report

    Rispondi

  • ERI1517

    09 Ottobre 2019 - 09:09

    Gli italiani addetti alla firma dei trattati invece che essere consapevoli della sacralità di una firma su un trattato, corrono dalle evidenti e storiche bandierine arroganti, quelli che oggi ci siete simpatici e vi concediamo, domani non ci piacete e vi diciamo NO e firmano solo per la gloria effimera di aver partecipato ad un incontro importante per la presenza di ministri di Nazioni Padrone.

    Report

    Rispondi

  • chimangio

    08 Ottobre 2019 - 16:04

    Dove sta la novità? Volenti o nolenti non contiamo niente in europa e meno che mai nel mondo se non quelle poche volte che a Germania e Francia o USA serviamo per i loro scopi. Per tutto il resto si riconferma l'inesistenza politica, diplomatica ed economica dell'Europa (checché ne dicano quelli di +europa) dove tutti fanno esclusivamente i propri affari a danno dei presunti partners. W l'Italia!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media