Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, a Sassari interno reparto isolato: "Tutti contagiati, abbiamo paura e siamo allo stremo"

  • a
  • a
  • a

La Sardegna come la Lombardia. A Sassari un'intero reparto dell'ospedale Santissima Annunziata è isolato.  “Ventisei persone, tra personale infermieristico, medici e pazienti, sono chiuse nel reparto di cardiologia dell’Aou di Sassari da sabato mattina". Questa la denuncia affidata a Tpi da parte di Fausta Pileri, segretaria territoriale del NurSind (sindacato delle professioni infermieristiche)., che aggiunge: "Il quadro dei contagi si è aggravato, l’intero reparto è stato isolato e blindato dall’esterno. I pochi medici e gli infermieri bloccati all’interno stanno prestando assistenza ai pazienti" Una situazione critica e surreale la definisce chi la sta vivendo. "Sono tutti stremati, è necessario un immediato intervento. Abbiamo paura che sia una nuova Codogno” riferisce con la voce tremante.

 

A lanciare l'allarme che ha mandato il nosocomio nel caos è stato il ricovero in cardiologia di un paziente di 81 anni il 29 febbraio scorso. L'uomo presentava tutti i sintomi assimilabili alla nuova epidemia, ma il tampone "per mancanza di attenzione o per sintomi non troppo definiti" (come racconta un medico che vuole restare anonimo ndr) è stato fatto solo dopo la morte del paziente, Il risultato? Si trattava di Covid-19. Motivo per cui successivamente sono stati eseguiti i test a tutto il reparto. E tutti sono risultati positivi. “Le persone risultate positive al Covid- 19, ma asintomatiche, chiedono di essere mandate a casa – prosegue la Pileri – osservare la quarantena e ricevere le cure a distanza. Come rappresentante sindacale devo anche aggiungere e denunciare che avevo già scritto, per informarli, ai dirigenti aziendali del fatto che si sarebbe potuti arrivare a situazioni del genere qualora non ci si fosse attivati per sopportare per la slavina che, infine, ci ha travolti. Oltre alla situazione descritta del reparto di cardiologia posso aggiungere le disfunzioni che si stanno creando anche nel pre triage”.

Dai blog