Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Carbone, segretario generale Fials: "Coronavirus, più tamponi agli operatori sanitari, altrimenti sarà una strage"

  • a
  • a
  • a

Il grido di protesta arriva direttamente dalla voce del leader della FIALS Giuseppe Carbone. La situazione si fa ogni giorno sempre più grave e nessuno fa niente per arginarla. Non sappiamo più come dirlo, abbiamo bisogno urgente che vengano fatto i tamponi, non è più possibile andare avanti in questa situazione. Non si stanca Carbone, di chiedere al Ministro della Salute, Speranza e a Borrelli della Protezione Civile, la tutela di tutti gli operatori sanitari non solo con mascherine chirurgiche ma Ffp2 Ffp3, oltre a garantire loro una capacità diagnostica costante per sapere se sono positivi. Tamponi per tutti per interrompere la catena epidemica e non solo sui casi sospetti e quelli venuti a contatto con pazienti Covid-19 positivi.


Siamo certi che in tanti sono gli operatori sanitari che possono aver contratto il virus e non lo sanno e nel frattempo hanno contatto con migliaia di pazienti e persone. Se non vengono tutelati gli operatori sanitari sarà una strage. In questo drammatico momento di emergenza sanitaria e denso di preoccupazioni per l’intero Paese, il Segretario Generale afferma che la FIALS è al fianco degli operatori sanitari e dei cittadini con una tempestiva e costante attività di interventi presso le Istituzioni Nazionali, Regionali e locali. Carbone ha dichiarato di aver inviato a tutte le strutture sanitarie del SSN, accreditate e non, una diffida a porre in essere tutte iniziative a tutela della salute degli operatori sanitari in prima linea per fermare il virus. Dai dispositivi di prevenzione individuale, all’assunzione di infermieri e alla rotazione del personale non solo per sostituire quelli già contagiati e sfiancati dall’emergenza ma anche per dare i dovuti riposi e ferie come attuare piani di rotazione previa formazione su Covid-19.


Ed ancora, una turnistica oraria che non superi le 8 ore giornaliere e sottoporre ciascun dipendente all’ingresso della struttura sanitaria al controllo della temperatura corporea e se superiore ai 37,5° non consentire l’accesso ai luoghi di lavoro oltre a definire l’accesso contingentato del personale negli spazi comuni, spogliatoi e locali timbrature con separazione porte tra ingresso ed uscita e censire lo stato attuale dei “positivi asintomatici” oltre ad effettuare il tampone.

Dai blog