Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Luigi Zanda: "Crisi da coronavirus, pronti a dare in pegno i Palazzi del potere"

 Luigi Zanda

  • a
  • a
  • a

L'idea per affrontare la crisi potrebbe essere quella di impegnare i gioielli di famiglia. Ovvero, "se l'Europa non ci aiuta il premier Conte ha detto che faremo da soli. Ma siccome nessun prestito ci verrà mai concesso senza garanzie", propone Luigi Zanda in una intervista a La Repubblica, "per far fronte al nostro fabbisogno straordinario senza far esplodere il debito pubblico potremmo dare in garanzia il patrimonio immobiliare di proprietà statale". Il senatore e tesoriere del Partito democratico afferma che la garanzia potrebbe essere costituita "almeno per la parte costituita dagli edifici che ospitano uffici, sedi delle grandi istituzioni, ministeri, teatri, musei...", come lo possono essere ad esempio Montecitorio, sede della Camera, o Palazzo Chigi, sede del governo. Chiosa Zanda: "Siamo in guerra. E poi parliamo di garanzia, non di vendita".

Perché i beni a cui Zanda si riferisce a "beni già iscritti nel bilancio dello Stato per un valore che si aggira intorno ai 60 miliardi" ai quali poter aggiungere anche "i beni degli enti locali e delle regioni, che sono censiti solo parzialmente e secondo alcuni valgono circa 300 miliardi", dice Zanda, per poi domandarsi "se si possa far rientrare anche il demanio non strategico né militare, facendolo concorrere al grande sforzo che attende il Paese". L'importante, conclude, "è esaminare la fattibilità in termini politici e istituzionali", per poi affermare: "meglio dare in garanzia il nostri immobili pubblici anziché affidarsi alla Troika. Che vorrebbe dire cessione di sovranità".

Dai blog