Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Non è l'arena, strage da coronavirus nelle case di riposo. Giletti, audio choc: "Non mi danno da mangiare"

  • a
  • a
  • a

La strage nelle case di riposo. Il nuovo drammatico risvolto dell'epidemia di coronavirus riguarda gli anziani morti nelle strutture sanitarie a loro dedicate, in condizioni ancora poco chiare. Covid-19 o "semplice" polmonite? Il sospetto, rilanciato dal Fatto quotidiano e da una interrogazione della senatrice di Forza Italia Sandra Lonardo, è forte. E Massimo Giletti, a Non è l'Arena, aggiunge carne al fuoco. Innanzitutto, fari puntati non solo al Nord ma anche al Sud, con i 9 morti nella casa di cura di Soleto (Lecce): "Su 87 persone, almeno 70 erano positive al virus, non c'è stata alcuna gestione dell'emergenza". Il caos è totale, e un operatore dell'Asl subentrata alla gestione privata in piena epidemia conferma un altro sospetto: gli anziani potrebbero essere morti di fame e di sete, condizione a cui la crisi respiratoria si è aggiunta diventando letale. 

 

 

La conferma da un audio choc pubblicato da Giletti tra una ricoverata e la figlia: "Da ieri non mi danno da mangiare, adesso provo a chiedere a un infermiere ma non passa nessuno. Non mi hanno mai misurato la temperatura, non so se ho la febbre. Cure? Mi hanno dato delle pastiglie ieri mattina, e basta".

 


 

Dai blog